02/07/2020
Largo Consumo 06/2020 - Approfondimento - pagina 84 - 2 pagine e 1/3 - Federica Serva
Pane in gdo

Buono come dal fornaio

Buono come dal fornaio

Amato sì, seppure calato nei consumi rispetto al passato, riscoperto in tavola ora con l’emergenza Coronavirus, ma principalmente perché acquistato dal panettiere o fatto in casa. Stiamo parlando del pane fresco, elemento essenziale della nostra alimentazione, che con differenti modalità e con un ricco assortimento è presente nella Gdo. Nonostante una radicata tradizione, grazie alla quale l’Italia vanta centinaia di tipi di pane, il consumo pro capite, secondo i dati di Italmopa (Associazione mugnai industriali d’Italia), è di 41 kg, una cifra inferiore a quello degli altri Paesi europei (tra i primi Romania con 88 kg, Germania con 80 kg, Olanda con 57 kg). L’84% degli italiani lo mangia abitualmente, mentre il 16% non lo fa o lo fa saltuariamente per motivi dietetici o salutistici. Tra cambiamenti di abitudini alimentari, bombardamenti di fake news sul cibo e diffusione...

Argomenti

Citati in questo articolo:
fratelli cerea, ristorante Da Vittorio, mengozzi cristina, grano christian, crippa nicolò, olgiati marzio, esselunga, Carrefour, penny market, C3, italmopa, gros cidac, gruppo rewe, cds, Apulia Distribuzione, coop alleanza 3.0, Davisod Emilio, etruria retail, panificio san francesco