01/10/2014
Largo Consumo 10/2014 - Notizia breve - pagina 141 - null - Redazione di Largo Consumo
 
 

Un polo del freddo da fonti rinnovabili

Solis spa ha firmato un progetto che ha consentito di creare, con il recupero di un’area dismessa, un ex-mercato ortofrutticolo, il primo polo del freddo alimentato con fonti alternative: un sito in grado di stoccare fino a 26.000 metri cubi di alimenti, l’equivalente di 10-12.000 pallet, a temperature variabili fra gli 0 e i –30° centigradi.

Solis spa ha firmato un progetto che ha consentito di creare, con il recupero di un’area dismessa, un ex-mercato ortofrutticolo, il primo polo del freddo alimentato con fonti alternative: un sito in grado di stoccare fino a 26.000 metri cubi di alimenti, l’equivalente di 10-12.000 pallet, a temperature variabili fra gli 0 e i –30° centigradi. Situato nella zona meridionale della provincia di Chieti, a soli 6 km dall’uscita autostradale A14 Val di Sangro, dotato di uno scalo merci su rotaie utilizzabile per container ferroviari refrigerati, Solis GreenLog si trova al centro degli assi logistici Nord-Sud ed Est-Ovest. La combinazione fra fotovoltaico e cogenerazione che assicura costi energetici ridotti dell’80% per alimentare l’intera catena del freddo è valsa al progetto il recente riconoscimento di Migliore Impresa Green da Confindustria Abruzzo.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Surgelazione, congelazione e refrigerazione Energia Energie rinnovabili
 
Tag citati: A14, Confindustria Abuzzo, Miglior Imrpesa Green, Solis, Solis GreenLog

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati