italiano italiano English English
02/11/2015
Largo Consumo 11/2015 - Approfondimento - pagina 36 - 1 pagina - Latella Elisa
 
 
Contraffazioni

Marchiature CE

Per far scattare il tentativo di frode in commercio basta detenere presso il magazzino dell’azienda (o in un altro luogo di deposito) articoli merceologici contrassegnati da marcatura CE contraffatta. La Corte di Cassazione, lo ha affermato in due pronunce a distanza di un anno. La più recente è quella del 6 novembre 2014 n. 4916, con cui è stato affrontato il caso di un venditore ambulante che trasportava nel bagagliaio del suo automezzo 42 paia di occhiali da sole, recanti marchiatura CE del tutto difforme,  da quella prevista dalla normativa europea, nonché privi delle etichette indicative del tipo di lenti apposte.

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Contraffazioni Crimine e malavita Frodi e Truffe Normativa
 
Tag citati: CE, China Export, Corte di Cassazione, Corte d’Appello di Lecce

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati