01/11/2014
Largo Consumo 11/2014 - pagina 69 - Notizia breve - 1/7 di pagina
 
 

Il successo newyorkese della cucina Rana

Rana , dopo l’apertura di uno stabilimento produttivo in Illinois, aveva inaugurato nel novembre 2012 il suo primo ristorante newyorkese, a Manhattan: investimento ingente, sia per l’allestimento del locale che per la location scelta a fianco di Chelsea Market, luogo tra quelli di maggiore richiamo [...] Leggi tutto

Rana, dopo l’apertura di uno stabilimento produttivo in Illinois, aveva inaugurato nel novembre 2012 il suo primo ristorante newyorkese, a Manhattan: investimento ingente, sia per l’allestimento del locale che per la location scelta a fianco di Chelsea Market, luogo tra quelli di maggiore richiamo della città, con costi d’affitto superiori al milione di euro.La scelta è stata quella di puntare su un modello misto, con servizio al tavolo e take away di piatti realizzati sul momento, oltre al bar attrezzato per servire anche pasti e la vendita diretta di pasta da cucinare a casa. In 3 anni i ricavi sono progressivamente aumentati fino agli 8 milioni di dollari previsti per il 2014. Il locale è gestito da 130 addetti che diventano 150 nei periodi di punta e serve in media 600 pasti giornalieri che diventano 1.000 nei week end e la cucina è una vera palestra di sperimentazione per le ricette poi destinate al mercato retail.

 
Autore: Redazione di Largo Consumo
 
Tag argomenti: Pasta Fresca Ristorazione
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: Chelsea Market Rana

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati