italiano italiano English English
01/10/2015
Largo Consumo 10/2015 - Notizia breve - pagina 136 - 1/4 di pagina - Salomone Luca
 
 
Le copertine di Largo Consumo

Curti (Star): 'Auspico che politiche economiche adeguate possano portare alla ripresa della nostra economia'

Secondo la Ragioneria dello Stato, chi andrà in pensione dal 2020 in poi disporrà di una cifra assai ridotta rispetto a chi ha lasciato il lavoro nel decennio precedente e secondo il Censis la “generazione millenials”, che andrà in pensione nel 2050, non avrà più di 500 euro netti mensili. Quale nuovo tipo di grande distribuzione ci attende a fronte di una minore capacità di spesa da parte di una larga fascia di popolazione?  

Risponde Giusto Curti, Direttore vendite Star

“Voglio essere ottimista e non voglio pensare a uno scenario in cui necessariamente i risparmi degli anziani diventano sempre più importanti per sostenere i consumi delle famiglie. Auspico che politiche economiche adeguate, unite all'iniziativa dei privati possano portare nuovamente alla crescita la nostra economia. Il mondo del food in questo certamente potrà svolgere un ruolo chiave”

Secondo la Ragioneria dello Stato, chi andrà in pensione dal 2020 in poi disporrà di una cifra assai ridotta rispetto a chi ha lasciato il lavoro nel decennio precedente e secondo il Censis la “generazione millenials”, che andrà in pensione nel 2050, non avrà più di 500 euro netti mensili. Quale nuovo tipo di grande distribuzione ci attende a fronte di una minore capacità di spesa da parte di una larga fascia di popolazione?  

Risponde Giusto Curti, Direttore vendite Star

“L'invecchiamento della popolazione è' un fatto strutturale e a mio avviso il sistema industria alimentare nel suo assieme è ancora lontano dall'aver sviluppato le risposte adeguate. Il che significa che ci sono ancora grandi opportunità per quelle aziende che sapranno muoversi con intelligenza e velocità.

“Il tema dei formati è solo uno degli elementi (peraltro in parte affrontato sia da industria e distribuzione in un’ottica di proposte "anti crisi"): ancora più importante nel lungo periodo sarà proporre alimenti con caratteristiche funzionali/salutiste e anche con elementi di convenience e servizio pur mantenendo una costante attenzione al prezzo.

“Star da sempre propone soluzioni in questa dimensione offrendo sia piatti pronti in mono porzione che componenti con ottima qualità e prezzi contenuti. La nostra innovazione di prodotto si pone in questa ottica e riscontriamo crescente successo anche sui cluster di età più elevata.

“Il concetto di "anziano" è certamente in piena evoluzione e fortunatamente la qualità della vita di una persona di 65/70 anni e oltre oggi può essere molto elevata. Ormai tutti i consumatori/shopper possono dirsi "evoluti" (hanno accesso ai mezzi di informazione e ne fanno crescente uso, adattano i consumi alle loro esigenze, sanno scegliere e sono sempre più esigenti) per cui certamente sanno e sapranno privilegiare le proposte di maggior soddisfazione.

“I consumatori con maggior tempo a disposizione, quelli potenzialmente più informati, possono nel tempo diventare ancora più preparati ed esigenti. Anche per marchi affermati e garantiti da una forte tradizione, come per esempio Star, è fondamentale sapersi reinventare ed innovare ogni giorno. Innovare non consiste soltanto nel creare nuovi prodotti (cosa che ovviamente facciamo) ma significa anche proporre nuove modalità di consumo per i prodotti esistenti.

“Voglio essere ottimista e non voglio pensare a uno scenario in cui necessariamente i risparmi degli anziani diventano sempre più importanti per sostenere i consumi delle famiglie. Auspico che politiche economiche adeguate, unite all'iniziativa dei privati possano portare nuovamente alla crescita la nostra economia. Il mondo del food in questo certamente potrà svolgere un ruolo chiave.

“Uno scenario con prezzi significativamente in deflazione non sarebbe sostenibile in quanto questo significherebbe necessariamente compromettere la qualità. Sul cibo non si può scherzare e sicurezza e qualità devono essere una garanzia basica per il consumatore. In futuro, e questo è sano, si consumerà e soprattutto si sprecherà sempre meno cibo: il risparmio, ricercato o necessario a seconda della condizione sociale del consumatore, deve passare da qui e non da compromessi sulla qualità.

“Vinceranno le aziende che sapranno "farsi scegliere" da consumatori sempre più "necessariamente intelligenti" e il nuovo successo di Star ci rende ottimisti sul fatto che noi saremo tra quelle anche in futuro.

“I consumatori, indipendentemente dall’età, saranno sempre più informati evoluti ed esigenti. Quelli più anziani avranno anche esigenze nutrizionali specifiche. Alcuni di loro avranno più disponibilità economica di altri. Vincerà chi saprà offrire soluzioni adeguate a questo contesto con il corretto value for money

“Ritengo che ci sia ampio spazio per la Gdo per offrire sempre maggiori servizi (a partire dallo sviluppo dell'on line e della consegna a domicilio per andare su elementi solo apparentemente più "basici") e fidelizzare sempre di più il nostro shopper " necessariamente intelligenti”.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Consumi e Consumatori Anziani Spezie e Insaporitori Conserve vegetali Sughi pronti
 
Tag citati: Curti Giusto, Star

Notizie correlate