italiano italiano English English
24/02/2020
Largo Consumo 01/2020 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Etica

Cia, convenzione con la Regione Toscana per inserimento di lavoratori disabili nelle aziende agricole

Importante protocollo sull’inserimento nel mondo delle imprese di persone con disabilità firmato a Palazzo Strozzi Sacrati, a Firenze, fra la Regione Toscana e le associazioni di categoria. Per la Cia Agricoltori Italiani della Toscana ha partecipato il direttore Giordano Pascucci, che ha siglato la Convenzione quadro (ex art.14 del D.Lgs. n.276/2003): uno strumento finalizzato a favorire, attraverso progetti personalizzati, l’inserimento lavorativo di soggetti disabili che presentano particolari difficoltà, anche per adempiere agli obblighi di legge, attraverso le cooperative sociali. «Si tratta di uno strumento e di una convenzione molto importante – sottolinea Pascucci – per l’inserimento lavorativo di soggetti disabili nelle aziende toscane. Questo importante accordo siglato oggi prevede che sia definita una convenzione trilaterale che coinvolga le imprese, le cooperative sociali ed i centri per l’impiego; per mettere in atto questa nuova opportunità che [...]

Nell'articolo:

  • La Cia-Agricoltori Italiani in numeri

Importante protocollo sull’inserimento nel mondo delle imprese di persone con disabilità firmato a Palazzo Strozzi Sacrati, a Firenze, fra la Regione Toscana e le associazioni di categoria. Per la Cia Agricoltori Italiani della Toscana ha partecipato il direttore Giordano Pascucci, che ha siglato la Convenzione quadro (ex art.14 del D.Lgs. n.276/2003): uno strumento finalizzato a favorire, attraverso progetti personalizzati, l’inserimento lavorativo di soggetti disabili che presentano particolari difficoltà, anche per adempiere agli obblighi di legge, attraverso le cooperative sociali.

«Si tratta di uno strumento e di una convenzione molto importante – sottolinea Pascucci – per l’inserimento lavorativo di soggetti disabili nelle aziende toscane. Questo importante accordo siglato oggi prevede che sia definita una convenzione trilaterale che coinvolga le imprese, le cooperative sociali ed i centri per l’impiego; per mettere in atto questa nuova opportunità che coniuga da una parte gli adempimenti e dall’altra queste figure di grande disabilità che altrimenti troverebbero difficoltà nell’inserimento nel mondo del lavoro».

«Le imprese agricole sono un tassello fondamentale – aggiunge Pascucci – in una regione all’avanguardia nella valorizzazione ed inserimento delle disabilità nel mondo del lavoro. La Toscana ha infatti delle esperienze di agricoltura sociale che potremmo definire ‘pioneristiche’, un grande lavoro è stato fatto in questo senso in passato dalla Regione Toscana e dell’Arsia, che ha saputo dare dignità ai lavoratori che presentano disabilità, attraverso anche una legge regionale che è un fiore all’occhiello in questo ambito. La Cia ha sempre dimostrato con i fatti, l’importanza sociale di questo segmento del settore rurale e sono numerose le nostre aziende agricole associate che possono hanno fatto questo tipo di percorso».

 

La Cia-Agricoltori Italiani in numeri
900 mila iscritti
300 mila imprese agricole attive associate e circa 4500 gli agriturismi associati
100 mila le imprese che assumono manodopera
400 mila iscritti all’Associazione Nazionale Pensionati ANP; 37 mila il numero dei giovani in agricoltura (Agia); 10 mila le Donne imprenditrici rappresentate in “Donne in Campo”
9500 aziende nell'Associazione del settore biologico (Anabio); circa 5000 le aziende che effettuano vendita diretta associate a “La Spesa in Campagna”
Circa 1.400.000 il numero delle persone che si avvalgono dei servizi offerti da Cia-Agricoltori Italiani
Fonte: Dati aziendali                 Largo Consumo
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Agricoltura Etica Risorse umane Lavoro, Occupazione
 
Tag citati: Cia Agricoltori Italiani della Toscana, Pascucci Giordano

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati