italiano italiano English English
21/02/2020
Largo Consumo 01/2020 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Export

Carni gallesi Igp, nessun cambiamento in era post-brexit

A più di tre anni dal referendum del 2016 in cui la maggioranza dei britannici votarono per il ‘leave’, la Gran Bretagna si appresta ad uscire ufficialmente dall’Unione Europea. Con il 1° febbraio, di fatto, inizierà un periodo di transizione, che durerà fino al 31 dicembre 2020, nel quale le due parti cercheranno un accordo sui futuri rapporti tra la UE e il Regno Unito. 11 mesi in cui l’UK sarà ancora legata alle strutture comunitarie continuando ad applicarne le regole. Dunque per il momento non si prospetta nessuna novità per il commercio delle carni gallesi IGP, presenti sulle tavole degli italiani da oltre 15 anni. “Nulla col nuovo anno cambierà a livello commerciale anche per i nostri prodotti” dichiara Jeff Martin responsabile per l’Italia di HCC, l’Ente che promuove il Welsh Lamb e il Welsh Beef nel mondo. “Almeno per tutto il 2020 continueremo ad [...]

Nell'articolo:

  • Esportazioni di Agnello Gallese IGP a livello globale: gennaio-ottobre 2019

A più di tre anni dal referendum del 2016 in cui la maggioranza dei britannici votarono per il ‘leave’, la Gran Bretagna si appresta ad uscire ufficialmente dall’Unione Europea. Con il 1° febbraio, di fatto, inizierà un periodo di transizione, che durerà fino al 31 dicembre 2020, nel quale le due parti cercheranno un accordo sui futuri rapporti tra la UE e il Regno Unito. 11 mesi in cui l’UK sarà ancora legata alle strutture comunitarie continuando ad applicarne le regole. Dunque per il momento non si prospetta nessuna novità per il commercio delle carni gallesi IGP, presenti sulle tavole degli italiani da oltre 15 anni.

“Nulla col nuovo anno cambierà a livello commerciale anche per i nostri prodotti” dichiara Jeff Martin responsabile per l’Italia di HCC, l’Ente che promuove il Welsh Lamb e il Welsh Beef nel mondo. “Almeno per tutto il 2020 continueremo ad esportare le nostre carni alle stesse condizioni di sempre. Supermercati, grossisti, ristoratori, chef e macellai potranno continuare ad acquistare il nostro Agnello Gallese IGP come negli anni passati e i consumatori italiani continueranno a trovarlo nei loro negozi di fiducia”.

Le esportazioni di Agnello Gallese IGP a livello globale hanno ottenuto ottimi risultati nel 2019 e l’Europa continua ad essere la principale destinazione di questo commercio. “La carne ovina gallese è sempre più apprezzata dai consumatori e dai professionisti di tutta Europa. L’Italia, nello specifico, è un mercato importante ormai da molti anni e anche nel 2020 andremo a confermare la nostra presenza nel canale gdo e a incrementare quella nel canale ristorazione”.

La nuova campagna di promozione per l’anno 2020 è alle porte e sarà mirata principalmente sul tema della sostenibilità. Le questioni relative al problema della produzione intensiva sono estranee al modo in cui vengono allevati ovini e bovini in Galles. Qui gli animali vivono all’aperto gran parte dell’anno e si nutrono di erba che cresce rigogliosa grazie alle abbondanti precipitazioni, mentre l’esperienza e la professionalità degli allevatori garantiscono standard molto elevati di benessere animale e gestione ambientale su terreni che non sarebbero adatti per la coltivazione.

“Importanti studi internazionali, come il rapporto IPCC sull'uso globale del suolo per le Nazioni Unite, hanno affermato che le forme sostenibili di allevamento fanno parte della soluzione ai cambiamenti climatici e alla sicurezza alimentare, non parte del problema” affermano dall’Ente gallese HCC. "I consumatori possono quindi essere sicuri che acquistando Agnello Gallese IGP acquistano una carne allevata in modo non intensivo e sostenibile”.

Il Galles, con il suo paesaggio verde, sano e rigoglioso e con i suoi ovini e bovini allevati all’aperto in modo naturale, si fa portabandiera di un messaggio potente e positivo e apre la strada a un'agricoltura responsabile e sostenibile. Perché The Welsh Way, ovvero l’espressione con cui gli allevatori gallesi definiscono le “loro pratiche di allevamento non intensivo e rispettoso dell’ambiente”, non è solamente un modo di dire: il Welsh farming rappresenta davvero uno dei modi più sostenibili al mondo per produrre carne di qualità.

 

Esportazioni di Agnello Gallese IGP a livello globale: gennaio-ottobre 2019
77.000 tonnellate
+18,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente
Europa rappresenta il 95% del totale delle esportazioni
Fonte: HCC                     Largo Consumo
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Import Export Ambiente Etica Carni rosse Prodotti Tipici
 
Tag citati: Hcc, Jeff Martin

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati