italiano italiano English English
25/06/2019
Largo Consumo 05/2019 - Notizia breve - pagina 105 - 1/3 di pagina - Redazione di Largo Consumo
 
 
Studi e ricerche

Auto elettrica: 1,6 milioni di nuovi veicoli per la fine 2018

Per il mercato dell’auto elettrica l’aspettativa è una chiusura 2018 con 1,6 milioni di nuovi veicoli venduti in tutto il mondo. L’indicazione in questo senso proviene dal rapporto di Frost & Sullivan “Global Electric Vehicle Market Outlook, 2018”, secondo il quale il mercato mondiale della mobilità elettrica è ormai saldamente in mano alla Cina, che ne detiene una quota pari al 48%, cui seguono al secondo posto l’Europa con un 26% e il Nord America con il 17,7%, mentre in posizione più arretrata è il Giappone con il 4,5%. Dopo un 2017 in cui si sono registrate vendite per 1,2 milioni di unità, per un’offerta a dicembre di quell’anno di 165 modelli sul mercato, le immatricolazioni del 2018 fanno salire a quasi 3,3 milioni il totale del parco circolante. Le buone opportunità per lo sviluppo futuro del settore...

Per il mercato dell’auto elettrica l’aspettativa è una chiusura 2018 con 1,6 milioni di nuovi veicoli venduti in tutto il mondo. L’indicazione in questo senso proviene dal rapporto di Frost & Sullivan “Global Electric Vehicle Market Outlook, 2018”, secondo il quale il mercato mondiale della mobilità elettrica è ormai saldamente in mano alla Cina, che ne detiene una quota pari al 48%, cui seguono al secondo posto l’Europa con un 26% e il Nord America con il 17,7%, mentre in posizione più arretrata è il Giappone con il 4,5%. Dopo un 2017 in cui si sono registrate vendite per 1,2 milioni di unità, per un’offerta a dicembre di quell’anno di 165 modelli sul mercato, le immatricolazioni del 2018 fanno salire a quasi 3,3 milioni il totale del parco circolante. Le buone opportunità per lo sviluppo futuro del settore dipendono anche dai sistemi di accumulo di nuova generazione rispetto ai quali lo studio stima in grande dinamismo quelli a stato solido (solid-state batteries) che, secondo gli esperti, sono in grado di rendere fino a tre volte in più rispetto alle batterie agli ioni di litio. A dare un forte impulso a questo trend, tra i numerosi produttori, c’è Tesla e la sua Gigafactory che, una volta raggiunto il 100% di operatività ritiene di poter produrre batterie per 150 GWh di capacità (dai 50 GWh di fine 2018) con la possibilità di dare energia al almeno 1,5 milioni di autoveicoli con batterie da 100 kWh. Batterie Tesla sono destinate a essere montate entro il 2023 sui nuovi modelli di auto elettrica di Toyota, Fisker e BMW.Altro tema sul tappeto è quello delle stazioni di ricarica, che a oggi sono meno di 90.000 su tutto il pianeta.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Ricerche di mercato Automobili Energie rinnovabili Energia
 
Tag citati: Frost & Sullivan, Tesla

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati