29/06/2020
Largo Consumo 06/2020 - Notizia breve di comunicazione d'Impresa - Pubblicato online - Iniziative redazionali speciali
Focus

La sostenibilità di De Matteis Agroalimentare si muove anche su quattro ruote

La sostenibilità di De Matteis Agroalimentare si muove anche su quattro ruote

De Matteis Agroalimentare sceglie la sostenibilità anche per le proprie auto aziendali. La realtà avellinese, tra i leader in Italia per la produzione di pasta di alta qualità, nel corso del 2020 si equipaggerà con una flotta di vetture ibride Toyota e Lexus.

La sostituzione dell’attuale parco auto con vetture hi-tech dotate delle migliori prestazioni del gruppo Toyota consentirà all’azienda di rendere la propria policy aziendale più green. Una scelta virtuosa che si aggiunge a quelle già compiute in campo produttivo: l’azienda promuove un sistema in cui industria e agricoltura si integrano, con grande attenzione allo sviluppo del territorio e alla salvaguardia dell'equilibrio tra uomo e natura. «La nostra azienda, sempre all’avanguardia nelle buone pratiche di tutela del territorio in cui opera, ha compiuto oggi un nuovo passo che ci rende molto orgogliosi. – ha affermato Marco De Matteis, amministratore delegato di De Matteis Agroalimentare – Grazie alla partnership con il Gruppo Toyota potremo risparmiare in termini di consumi e di emissioni, dando il nostro ulteriore contributo alla tutela dell’ambiente». L’accordo prevede il raggiungimento entro il 2021 di un parco auto di circa 45 vetture.

Sostenibilità al primo posto per Toyota

Toyota si è dimostrata lungimirante a all'avanguardia in tema di sostenibilità ambientale: i primi modelli elettrificati sono stati introdotti oltre 20 anni fa e oggi sono oltre 15 milioni i clienti che hanno scelto la tecnologia Full Hybrid Electric di Toyota e Lexus in tutto il mondo. Una soluzione che garantisce il migliore bilanciamento tra prestazioni, efficienza energetica ed emissioni: la tecnologia Full Hybrid Electric consente di ridurre i consumi e le emissioni di gas climalteranti come la CO2 (fino a circa il 30% in meno rispetto a motorizzazioni di tipo convenzionale) e di quelle nocive per la salute umana come gli NOx (le emissioni di ossidi di azoto prodotte dalle automobili Toyota e Lexus Full Hybrid sono inferiori di oltre il 90% rispetto ai limiti omologativi previsti dalla legge). Tutto questo senza alcun cambiamento delle abitudini di guida e senza necessità di una presa di ricarica esterna. Inoltre, i modelli Full hybrid Toyota e Lexus sono progettati per raggiungere livelli di eccellenza per qualità e durata, e si posizionano ai vertici nelle classifiche di affidabilità in base a indagini svolte da autorevoli centri di ricerca e da una delle principali associazioni dei consumatori. «La concreta realizzazione di una società sostenibile potrà avvenire grazie alla condivisione di un percorso comune di riduzione dell’impatto ambientale da parte delle aziende che rappresentano il tessuto produttivo ed economico del Paese. In quest’ottica, ringraziamo l’azienda De Matteis Agroalimentare per aver scelto, in tema di mobilità, la nostra tecnologia Full Hybrid Electric», ha dichiarato Alessandro Morganti, sales operations director di Toyota Motor Italia.

De Matteis Agroalimentare sempre più green

L’introduzione di una flotta aziendale ibrida è solo l’ultimo passo compiuto da De Matteis Agroalimentare verso una sempre maggiore sostenibilità ed efficienza energetica dei propri impianti produttivi di Flumeri. Un impegno che si è concretizzato nella realizzazione di un impianto cogenerativo (energia elettrica e termica) in grado di coprire oltre l’80% del fabbisogno energetico aziendale. In termini di minori emissioni nell’ambiente, questa soluzione si traduce in 1.865 tonnellate di CO2 evitate, un risparmio di 1.941 tep (tonnellate di petrolio equivalenti) e 32.700 MWh di recupero termico ogni anno. Il pastificio ha lavorato anche sulla riduzione delle emissioni inquinanti connesse alla logistica con la scelta di ridurre le importazioni di materia prima dall’estero, creando una filiera del grano duro italiano tra le più importanti del nostro Paese. De Matteis, inoltre, è intervenuta sull’impatto ambientale del packaging del suo brand principale “Pasta Armando”, sostituendo l’impiego di materie plastiche con materiali innovativi ed eco-compatibili. Pasta Armando è confezionata in un packaging certificato Aticelca totalmente smaltibile nella la carta e gode anche della certificazione Fsc (Forest Stewardship Council).