italiano italiano English English
23/10/2017
Largo Consumo 09/2017 - Notizia breve - pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Soluzioni tecnologiche

Vini tracciati con Wine Blockchain EY

EY Italia ha sviluppato la prima soluzione al mondo per la tracciatura della filiera di produzione del vino. Il sistema, denominato Wine Blockchain, è stato realizzato in collaborazione con la startup Ezlab e con Cantina Volpone, azienda con sede a Ordona (Foggia), sulla cui Falanghina vendemmia 2016 compare il codice QR che permette a chi lo acquista, tramite smartphone, di conoscere il produttore identificato con la firma digitale, l’intero processo di coltivazione, produzione e trasformazione del vino. Si tratta, nelle intenzioni degli sviluppatori di questa tecnologia, di una soluzione che garantirà trasparenza, qualità e protezione del made in Italy, soddisfacendo un’esigenza di informazioni manifestata dal [...]

Nell'articolo:

  • I dati sulla ricerca di informazioni da parte dei consumatori

EY Italia ha sviluppato la prima soluzione al mondo per la tracciatura della filiera di produzione del vino. Il sistema, denominato Wine Blockchain, è stato realizzato in collaborazione con la startup Ezlab e con Cantina Volpone, azienda con sede a Ordona (Foggia), sulla cui Falanghina vendemmia 2016 compare il codice QR che permette a chi lo acquista, tramite smartphone, di conoscere il produttore identificato con la firma digitale, l’intero processo di coltivazione, produzione e trasformazione del vino.

Si tratta, nelle intenzioni degli sviluppatori di questa tecnologia, di una soluzione che garantirà trasparenza, qualità e protezione del made in Italy, soddisfacendo un’esigenza di informazioni manifestata dal 74% dei consumatori. La tecnologia Blockchain, che abilita questa soluzione, è caratterizzata da un database contenente un registro di tutte le transazioni, per cui ogni partecipante può verificare la validità della catena. Attraverso un processo di condivisione in rete di tutte le informazioni connesse al prodotto, il consumatore potrà verificare, in qualsiasi momento e punto vendita, provenienza, caratteristiche organolettiche e l'intera filiera agroalimentare e industriale della bottiglia certificate dal produttore, semplicemente avvicinando il proprio smartphone al QR Code presente sull’etichetta. Sarà possibile conoscere il campo in cui è stato coltivato, le viti utilizzate, ma anche i trattamenti fitofarmaci e agricoli effettuati con tutto i passaggi e metodi produttivi.

“Wine Blockchain – afferma Luca Grivet Foiaia, partner di EY – permette di creare un registro pubblico e immodificabile collegato alla firma digitale del produttore, mappando ogni singolo processo produttivo e assicurando territorialità, autenticità e qualità del prodotto. Le aziende che adotteranno questa tecnologia daranno un forte segnale di trasparenza e offriranno una grande manifestazione di consapevolezza della propria robustezza. Pensiamo che questo sistema possa contribuire a superare i limiti della tutela che dovrebbe derivare dai marchi di qualità come doc, docg e igt”.

 

I DATI SULLA RICERCA DI INFORMAZIONI DA PARTE DEI CONSUMATORI  
Il 74% dei consumatori ricerca informazioni sulla tracciabilità del prodotto
Il 60% dei consumatori controlla l’etichetta del prodotto
Nove clienti su dieci vorrebbero conoscere maggiormente i vini italiani ed i criteri di certificazione d’origine
Più del 70% dei consumatori sarebbe disposto a pagare un prezzo più alto se questo fosse garanzia di trasparenza e provenienza
Fonte: EY Italia                                                                  Largo Consumo
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Vino Tracciabilità della Filiera
 
Tag citati: Cantina Volpone, EY Italia, Ezlab, Falanghina, Grivet Foiaia Luca, QrCode, Wine Blockchain

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati