01/10/2014
Largo Consumo 10/2014 - Notizia breve - pagina 106 - 1/3 di pagina - Iniz. Redazionali Speciali
 
 

Una campagna per il bere responsabile

Etica e Imprese: “Conoscere l’Alcol” è la campagna sociale di sensibilizzazione rivolta al consumo moderato e responsabile di bevande alcoliche di cui sono diventati protagonisti, nella veste di sostenitori e promotori, due realtà del mondo della grande distribuzione organizzata, Simply e Auchan, insieme a Diageo, multinazionale tra i principali leader mondiali nel campo della produzione e commercializzazione di alcolici

“Conoscere l’Alcol” è la campagna sociale di sensibilizzazione rivolta al consumo moderato e responsabile di bevande alcoliche di cui sono diventati protagonisti, nella veste di sostenitori e promotori, due realtà del mondo della grande distribuzione organizzata, Simply e Auchan, insieme a Diageo, multinazionale tra i principali leader mondiali nel campo della produzione e commercializzazione di alcolici.Condotta in linea con gli obiettivi del programma “Guadagnare Salute” promosso dal Ministero della salute, intende ribadire il concetto del “bere responsabilmente” come stile di vita in grado di rientrare sempre di più tra quelli positivi alla base del comportamento comune da parte degli italiani, che in ogni caso già oggi dimostrano il valore di consumo annuo pro capite di alcol più basso dell’intera Unione Europea. La nostra attuale media pro capite è di 6,94 litri, un livello molto prossimo a quello raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per il 2015 e che si attesta a 6 litri l’anno, e oltre tutto è un dato in costante calo, a fronte di una media Ue (a 27) pari a 10,74 litri, su cui spiccano i 12,3 litri della Francia, gli 11,72 litri della Germania, gli 11,37 della Sapagna e i 10,7 litri del Regno Unito

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Etica Superalcolici, spiriti e amari Grande Distribuzione
 
Tag citati: Conoscere l´alcol, Simply, Auchan, Diageo, Guadagnare Salute, Ministero della Salute, Unione Europa, Organizzazione mondiale della sanità, UE, Facebook

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati