01/07/2016
Largo Consumo 07-08/2016 - Approfondimento - pagina 36 - 3 pagine - Mancinelli Marco
 
 
Ricerca: Certificazioni agroalimentari

Un passaporto per il made in Italy

La certificazione dell’agroalimentare italiano rappresenta una crescente opportunità anche per le imprese impegnate nei mercati internazionali. Così emerge dall’edizione 2015 dell’Osservatorio “Certificazione e qualità nella filiera dell’agroalimentare”, realizzato da Accredia in collaborazione con il Censis e che ha coinvolto 969 aziende certificate su tutto il territorio nazionale. Vi hanno aderito per lo più aziende agricole (75,6%) e per il restante (24,4%) industrie alimentari.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Certificazioni Tracciabilità della Filiera Agroalimentare
 
Tag citati: Osservatorio “Certificazione e qualità nella filiera dell’agroalimentare”, Accredia, Censis, Governo, Paese, Dop, Igp, Ministero della salute e al, Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Staiano Massimo, Finagricola, Coop Italia, Meneveri Elisabetta, Auchan Simply, Auchan, Iso 2001, ISO 22000, Ranchetti Salvatore, Ferrero, Michelini Paola, Coop, Coop Origini, Progetto Filiere Controllate, Bitonti Giuseppe, Organismi di Certificazione, Mercuri Giorgio, Fedagri-Confcooperative, Camere di Commercio, Consorzi, Ice, Dop Igp, Uni En Iso 9001, FSSC 22000, GlobalGap, Uni En Iso 22005, Brc, GSFS, Ifs (International food standard), Uni En Iso 9001, Agricoltura Biologica, Dop Igp, Doc, docg, igt, Ifs, Brc, B´io, Internet

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati