01/10/2014
Largo Consumo 10/2014 - pagina 132 - Notizia breve - 1/3 di pagina
 
 

Un’associazione per i Bancomat sicuri

Secondo uno studio condotto dal Retail Banking Research (RBR), il numero di sportelli Bancomat attivi in tutto il mondo ammonterà a 3,7 milioni entro il 2018 in confronto agli attuali 2,6 milioni circa. La crescente diffusione degli sportelli abilitati al prelievo automatico (Atm) è andata tuttavia [...] Leggi tutto

Secondo uno studio condotto dal Retail Banking Research (RBR), il numero di sportelli Bancomat attivi in tutto il mondo ammonterà a 3,7 milioni entro il 2018 in confronto agli attuali 2,6 milioni circa. La crescente diffusione degli sportelli abilitati al prelievo automatico (Atm) è andata tuttavia di pari passo con l’aumento del livello di specializzazione dell’attività criminale che ne attenta alla sicurezza, in una combinazione di fattori che crea notevoli problematiche dal punto di vista della difesa contro questo tipo di attacchi. Si tratta quindi di una sfida per rispondere alla quale appaiono necessari un impegno costante e soluzioni di protezione globali lungo l’intera catena di fornitura dei servizi Bancomat. Per arrivare a svilupparle, Diebold e Wincor Nixdorf AG hanno deciso di unire le proprie capacità, creando un’associazione di settore dedicata specificamente alla sicurezza in ambito Atm. Tramite le modalità associative, le due società, entrambe tra i principali produttori mondiali di sportelli automatici, si propongono di raccogliere informazioni relative alle tecniche messe in atto dai malviventi, sia quelle note che quelle potenziali, e di condividere le conoscenze acquisite con i diversi gruppi e operatori del settore al fine di implementare in maniera tempestiva contromisure efficaci a livello globale.

 
Autore: Redazione di Largo Consumo
 
Tag argomenti: Carte di credito e di debito
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: Atm Bancomat Diebold RBR Retail Banking Research Wincor Nixdorf AG

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati