01/07/2016
Largo Consumo 07-08/2016 - Approfondimento - pagina 65 - 2 pagine - Porzio Chiara
 
 
Resoconto: Tappi in sughero

Tappature fra tradizione e innovazione

L’industria del sughero gode di ottima salute e non è intimidita dalla proliferazione di chiusure alternative. La sua struttura è elastica e garantisce un’ottima tenuta nel tempo favorendo una corretta evoluzione e conservazione del prodotto in bottiglia. I produttori realizzano inoltre costanti ricerche e controlli di qualità e tutte le aziende del settore hanno investito recentemente in impianti tecnologicamente innovativi per ridurre al minimo le possibili cessioni organolettiche al prodotto imbottigliato. Importantissimo è infine l’aspetto ecologico. Il tema dei tappi in sughero e del loro impatto sulla conservazione del vino è stato affrontato anche nell’ultima edizione di Simei, con un workshop dedicato promosso da Unione Italiana Vini, dal 1895 associazione delle imprese vinicole italiane.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Tappi e cavatappi Imballaggio Vino
 
Tag citati: Amorim, Bureau Veritas, Casa Vinicola Zonin , Ce Liege, CO2, Codice internazionale delle chiusure in sughero e delle sue pratiche di fabbricazione, Comunità europea, Confederazione europea del sughero, Diam, Diam Bouchage, Diamant, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari, Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali, Ferrante Stefano, Gros Manseng di Jurançon, Gruppo italiano dei sugherifici, Gruppo Sughero, I Grandi Vini, Istituto, Istituto di enologia e ingegneria agroalimentare, Lagarde Christine, Lambri Milena, Lopes Paulo Dinis, O-I, Oscar dell´Imballaggio, Paesi, PCA, Pianeta, Quercus, Quercus Suber, Ricci Arianna, Rosa Evolution, Sem, Simei, SO2, Systecode, tappo Helix®, TBA, TCA, Teca, Uhplc-Ms-Qtof, Unione italiana vini, Università Cattolica, Università di Bologna, Veuve Clicquot et Juglar, Zaninotto Stefano, “Io sto con il sughero”

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati
Vino