02/05/2016
Largo Consumo 05/2016 - pagina 119 - Notizia breve - 1/3 di pagina
 
 
Le copertine di Largo Consumo

Tamola (Zalando): "I saldi restano, anche per noi, un evento, non decisivo, ma pur sempre da cogliere"

I dettaglianti dell’abbigliamento (quattro su cinque secondo Confcommercio ) vorrebbero posticipare l’avvio dei saldi invernali alla fine di gennaio. Come potrebbero competere con i vari Zalando , Vente-privee , Yoox nel pieno delle vendite promozionali e sottocosto già nel periodo prenatalizio? Ris [...] Leggi tutto

I dettaglianti dell’abbigliamento (quattro su cinque secondo Confcommercio) vorrebbero posticipare l’avvio dei saldi invernali alla fine di gennaio.

Come potrebbero competere con i vari ZalandoVente-priveeYoox nel pieno delle vendite promozionali e sottocosto già nel periodo prenatalizio?

Risponde Giuseppe Tamola, Country manager Italia e Spagna Zalando

 

In quei Paesi europei, come Francia e Belgio, caratterizzati da una legislazione rigida in materia di saldi, si genera sovente un danno per i retailer. Il rimando degli acquisti in avanti diventa piuttosto tassativo per il consumatore che acquista a fronte di ribassi forti. Al contrario, con norme più flessibili e sconti meno “muscolari”, tutto è più armonico e gli impatti sul sell-out si riducono. L’Italia ha una situazione intermedia in quanto esistono certamente molte regole, ma esse lasciano un certo spazio alle politiche promozionali. 

Zalando ha senza dubbio anche il prezzo fra le proprie leve, ma il mantenimento della convenienza è una costante, che ci accompagna tutto l’anno. Questa nostra impronta male si accompagna con una gestione troppo aggressiva del saldo, anche perché i molti servizi gratuiti – consegna, resi, customer care ecc. - lasciano spazi più ridotti a politiche di taglio prezzi troppo drastiche. 

Se le fonti statistiche paiono dimostrare che, durante gli ultimi saldi invernali, sono stati premiati soprattutto i pure player, bisogna anche considerare che le grandi dot.com hanno fattori competitivi che vanno ben oltre il prezzo: i competitor tradizionali, fatte le debite eccezioni, non possono rivaleggiare in quanto a profondità e ampiezza di assortimento e non dispongono, il più delle volte, di un magazzino fornito, anzi operano in direzione opposta, per la continua riduzione delle scorte, che indubbiamente sono un costo, ma anche un plus. 

Nonostante le premesse non voglio comunque negare che i saldi restano, anche per noi, un evento, non decisivo, ma pur sempre da cogliere: generando traffico hanno soprattutto il pregio di avvicinare nuovi acquirenti al canale on line. Saltare le lunghe code, tipiche delle svendite, è una comodità non da poco, che si somma allo sconto. Lo stesso si può dire per quelle ricorrenze da qualche anno importate dall’estero, come il Black friday. Queste occasioni generano sicuramente profitti, sarebbe ipocrita negarlo, ma voglio ribadire che per noi non sono vitali: restano episodi tattici, nel quadro generale di una strategia.

 
Autore: Salomone Luca
 
Tag argomenti: Abbigliamento Abbigliamento e articoli sportivi Abbigliamento esterno Abbigliamento intimo Abbigliamento junior Commercio elettronico Promozioni
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: Black Friday Confcommercio DotCom Paesi Tamola Giuseppe Vente Privee Yoox Zalando

Notizie correlate