Articolo Articolo

01/07/2015
Largo Consumo 04/2015 - Notizia breve - pagina 131 - 1/6 di pagina
 
 

Salvi 80 lavoratori Golden Lady

Salvi 80 posti di lavoro italiani in Golden Lady, grazie alla decisione dell’azienda di calzetteria e underwear di investire sul polo produttivo di Basciano (Teramo) per la sua nuova linea di calze senza cucitura: produzione che non verrà pertanto delocalizzata in Serbia come sembrava prospettarsi, ma rimane dunque in Italia

Leggi tutto

Salvi 80 posti di lavoro italiani in Golden Lady, grazie alla decisione dell’azienda di calzetteria e underwear di investire sul polo produttivo di Basciano (Teramo) per la sua nuova linea di calze senza cucitura: produzione che non verrà pertanto delocalizzata in Serbia come sembrava prospettarsi, ma rimane dunque in Italia. E’ il risultato di un protocollo d’intenti sottoscritto dalla Regione Abruzzo con la società e i sindacati, successivamente ratificato anche da Confindustria: un’intesa che mette al sicuro gli 80 dipendenti (dei 330 attivi nel sito industriale) su cui gravava la minaccia di perdere l’occupazione a seguito della decisione dell’azienda di Castiglione delle Stiviere (Mantova) di dismettere due reparti della struttura produttiva abruzzese e di trasferire l’intera produzione del nuovo modello di calza nel suo stabilimento serbo

 
Autore: Redazione di Largo Consumo
 
Tag argomenti: Calze e collant Lavoro, Occupazione Risorse umane
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: Golden Lady Regione Abruzzo Confindustria

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati