italiano italiano English English
01/12/2016
Largo Consumo 12/2016 - Approfondimento - pagina 63 - 1 pagina - Latella Elisa
 
 
Approfondimento: Taccheggio

Quando il ladro non è punibile

Casi di furti avvenuti all’interno di supermercati sono finiti spesso all’attenzione dei magistrati nei tribunali. Ma quello arrivato fino alla Corte di Cassazione e deciso, infine, con la sentenza del 2 maggio 2016, n.18248, ha qualche cosa di paradossale. Sono stati, infatti, necessari ben tre diversi gradi di giudizio (primo grado, ricorso in appello, ricorso in Cassazione) per arrivare a stabilire se sia da considerarsi reato, o meno, il furto di un pacchetto di wurstel e del formaggio, per la cifra esigua totale di 4 euro, commesso dentro un supermercato a opera di un povero clochard, senza lavoro e senza fissa dimora.

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Differenze inventariali Crimine Normativa
 
Tag citati: art. 131 bis c.p., articolo 133, Cassazione, Corte di Appello di Genova, Corte di Cassazione, decreto legislativo del 16 marzo 2015 n. 28, Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, Dolcini Emilio, Esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto, Fiandaca Giovanni, legge 28 aprile 2014 n. 67, Marinucci Giorgio, Musco Enzo, Paese, sentenza del 2 maggio 2016 n.18248, Suprema Corte

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati