26/10/2015
Largo Consumo 10/2015 - Approfondimento - pagina 60 - 3 pagine
 
 
Reportage: Moda prima

Pronti per la bella stagione

Per il terzo anno consecutivo l’industria italiana della moda femminile non registra un risultato particolarmente brillante, pur segnando una - per molti versi promettente - inversione di tendenza. Secondo le stime preliminari elaborate da Sistema Moda Italia, il giro d’affari settoriale non dovrebbe andare oltre un + 0,7%, riavvicinandosi, dunque, ai 12,3 miliardi di euro”. Così recita la nota al bilancio preconsuntivo 2014 della moda femminile italiana, elaborato dal Centro Studi di SMI per Pitti Immagine su dati Istat e Sita Ricerca e che, tra i comparti esaminati, vede il vestiario esterno assestarsi sui livelli 2013 e la maglieria crescere a ritmi più lenti rispetto a camiceria e confezioni in pelle, contraddistinte invece da dinamiche positive sia oltreconfine che in Italia.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Abbigliamento Fiere Import Export Abbigliamento esterno
 
Tag citati: Sistema moda Italia, Centro Studi di SMI , Pitti Immagine, Istat, Sita Ricerca, Moda Milena, Mlavezzi Milena, Frarosa, Frarosa Rosanna, Donne da Sogno, Gualandi Tamara, Razzoli Antonella, Razzoli Rossano, Vicolo Trivelli, Mglificio Erika, Tedeschi Luca, Cerini frida, Sarli Massimo, Cavalli, Blumarine, Villa Elisabetta, Officine della Moda, Rinascente, Coin, QVC, Edas Italia, D'Aprile Gabriella, Edas, VLT’S by Valentina’s, Dani Fabio, Acerbi Valentina, Confezioni Pioneer

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati