02/10/2015
Largo Consumo 10/2015 - Approfondimento - pagina 57 - 2 pagine e 1/3 - Sala Carlo
 
 
Igiene orale

Prevenire è meglio che otturare

I consumatori confermano la tendenza a una spesa più alta se legata a un beneficio aggiuntivo e rilevante». Questa l’analisi di Paola Saggese, brand building manager della divisione personal care di Unilever; lettura che converge con quella di Daniele Fiorini, brand manager di Johnson & Johnson: «Il 2015 sta vedendo una crescita del mercato rispetto all’anno precedente. L’attenzione per la cura dell’igiene orale continua a crescere, segno che finalmente gli italiani stanno comprendendo l’importanza funzionale (igiene orale migliore vuol dire meno problemi e quindi meno interventi dal dentista in questo momento di crisi) e psicologica (migliorare il proprio stato di benessere psico-fisico/prendersi cura di sé) di una bocca sana.

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Igiene persona o toiletries Dentifrici, colluttori e spazzolini
 
Tag citati: Saggese Paola, Unilever, Fiorini Daniele, Johnson&Johnson, Marcon Gianni, Spazzolifico Piave, Iri, Ims health, GSK, MM*PH, Potenza Simonetta, Carli Moretti Beatrice, Zendium, White Now MEN, Silver Care One, Sensodyne, Sigma-tau, Avantgarde, Alfa Wasserman, Listerine, Colgate-Palmolive Italia, Cefeda Giuseppina, Bbg Cosmetics, Sisma Group, Samurai, Guidetti Isabella, Farmaceutici Ciccarelli

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati