01/03/2016
Largo Consumo 03/2016 - pagina 91 - Notizia breve - 1/89 di pagina
 
 

Plastica negli oceani: il ruolo degli imballaggi

Ai ritmi attuali nel 2050 gli oceani conterranno più plastica che fauna marina. E’ l’allarme lanciato dal World Economic Forum (WEF) di Davos e dalla MacArthur Foundation con il rapporto “The New Plastics Economy” che punta il dito sugli imballaggi. Rappresentano infatti il 26% del totale degli impi [...] Leggi tutto

Ai ritmi attuali nel 2050 gli oceani conterranno più plastica che fauna marina. E’ l’allarme lanciato dal World Economic Forum (WEF) di Davos e dalla MacArthur Foundation con il rapporto “The New Plastics Economy” che punta il dito sugli imballaggi. Rappresentano infatti il 26% del totale degli impieghi di plastica, causando, data la vita breve del packaging, una perdita economica pari a 80-120 miliardi di dollari l’anno proprio per via del modello “usa e getta”. Ogni confezione è infatti prodotta per un utilizzo inferiore alla durata di un anno. A ciò si aggiunge lo scarso tasso di riciclaggio degli imballaggi plastici, intorno al 14% del totale contro il 58% della carta e al 70-90% dei metalli. Ciò malgrado, secondo il report, la percentuale di riciclaggio della plastica potrebbe crescere al 58% senza causare perdite economiche. A questa prospettiva si dovrebbe aggiungere però anche la ricerca per arrivare a imballaggi “bio-benigni”, cioè in grado di ridurre l’impatto negativo anche una volta dispersi nell’ambiente.

 
Autore: Redazione di Largo Consumo
 
Tag argomenti: Ambiente, Ecologia Imballaggio Imballaggio in plastica Plastica Riciclo e recupero
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: MacArthur Foundation WEF World Economic Forum “The New Plastics Economy”

Notizie correlate