italiano italiano English English
23/03/2016
Largo Consumo 03/2016 - Notizia breve - 1 pagina - pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Spreco alimentare

Ognuno si prenda le sue responsabilità

Federdistribuzione, in merito alle notizie diffuse dalla Coldiretti sullo spreco alimentare, sottolinea che, come emerge dall’ultimo studio del Politecnico di Milano, le rimanenze alimentari in Italia sono di 5.590.000 tonnellate, pari a oltre 13,5 miliardi di euro. Di queste i consumatori sono responsabili del 43%, la distribuzione del 13%, la ristorazione del 4%, la trasformazione del 3% e il settore primario del 37%. 

Federdistribuzione, in merito alle notizie diffuse dalla Coldiretti sullo spreco alimentare, sottolinea che, come emerge dall’ultimo studio del Politecnico di Milano, le rimanenze alimentari in Italia sono di 5.590.000 tonnellate, pari a oltre 13,5 miliardi di euro. Di queste i consumatori sono responsabili del 43%, la distribuzione del 13%, la ristorazione del 4%, la trasformazione del 3% e il settore primario del 37%.

 

Uno studio autorevole più volte citato da vari attori della filiera e in vari eventi istituzionali e presentato il 6 ottobre 2015 presso Expo alla presenza del Ministro Martina, dell’On. Gadda e delle varie associazioni che compongono la filiera.

 

Lo stesso studio evidenzia come la distribuzione ogni anno doni prodotti alimentari ancora perfettamente commestibili per 65.000 tonnellate, pari a oltre 80 milioni di pasti.

 

Siamo convinti – precisa Federdistribuzione - che la lotta allo spreco e il recupero delle rimanenze alimentari siano importante e che per farvi fronte ogni elemento della filiera debba innanzitutto prendersi le proprie responsabilità. 

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Etica Alimentare
 
Tag citati: Coldiretti, Expo, Federdistribuzione, Ministro Martina, On. Gadda, Politecnico di Milano

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati