01/10/2015
Largo Consumo 10/2015 - Approfondimento - pagina 42 - 1 pagina e 1/3 - Maurizio Servili
 
 
Olio di oliva

Non basta dire extravergine

La qualità degli oli extravergini di oliva è cosa complessa e include una serie di aspetti che prevaricano quello solo merceologico. Quando infatti si classifica un olio come “extravergine” sulla base delle norme del Codex alimentarius, o del COI (Consiglio Olivicolo Internazionale) si intende dire solo che dovrà essere caratterizzato da un relativamente basso grado di alterazione idrolitica (acidità libera) e ossidativa (numero di perossidi e costanti spettrofotometriche) e non avere difetti sensoriali. Inoltre si garantisce circa la purezza intesa come assenza di adulterazioni per l’aggiunta di altri oli vegetali diversi dall’oliva.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Olio Analisi sensoriale
 
Tag citati: Università degli Studi di Perugia Codex alimentararius Coi Consiglio Olivicolo Internazionale Efsa Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare reg 432/2012 LDL

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati