italiano italiano English English
05/03/2019
Largo Consumo 02/2019 - Approfondimento - pagina 33 - 1 pagina - Latella Elisa
 
 
Circoli ricreativi

No a vantaggi fiscali

Un caffè preso al bar di un circolo culturale è pur sempre un caffè preso al bar. E quel bar le tasse le deve pagare come tutti gli altri esercizi di ristorazione. Sulla base di questo semplice e ovvio principio, la Corte di Cassazione, sezione tributaria, attraverso l’ordinanza n. 15475 del 13 giugno 2018, ha fatto chiarezza su un punto che in realtà è stato a lungo controverso. Secondo la Corte, l’attività di bar con somministrazione di bevande a fronte del pagamento di corrispettivi specifici, svolta da un circolo culturale, anche se effettuata a favore dei propri associati, non rientra tra le finalità istituzionali del circolo e deve essere considerata attività di natura commerciale ai fini del trattamento tributario. Per avere i vantaggi fiscali riservati invece agli enti non commerciali, sarebbe necessaria la contemporanea presenza di 2 circostanze: lo svolgimento dell’attività di gestione...

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Bar Ristorazione Fisco Normativa
 
Tag citati: Fipe

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati