Articolo Articolo

01/09/2015
Largo Consumo 09/2015 - pagina 10 - 1/5 di pagina
 
 

Monviso più dolce con Pasticceria Tonon

Accadimenti aziendali: C’era una volta, e c’è ancora, Monviso Spa di Torino, reginetta dei sostitutivi del pane e delle fette biscottate, con 30 milioni di fatturato e 7 di Mol. Ma il suo regno non le bastava e voleva più dolcezza.

Leggi tutto

Accadimenti aziendali: C’era una volta, e c’è ancora, Monviso Spa di Torino, reginetta dei sostitutivi del pane e delle fette biscottate, con 30 milioni di fatturato e 7 di Mol. Ma il suo regno non le bastava e voleva più dolcezza.

La favola bella, in quanto tale, si è conclusa bene, cioè con l’acquisto, sotto la regia di Banco Popolare e di Banca Popolare Emilia Romagna, di Biscotteria Tonon di Verona.

Tonon, 9 milioni di euro di ricavi, è un’antica “fabbrica delle bontà”, fondata nel 1928 e attiva soprattutto nel segmento dei biscotti di qualità e nella pasticceria industriale, con il marchio aziendale e con i brand Juliet’s, Rondò e L’Albero del grano (gli ultimi due per gli snack salati).

Monviso, creata nel 1936, è controllata al 95,4% da PM&Partners, che l’ha rilevata, a fine 2012, da altri due fondi.

Grazie al deal l’azienda torinese, finora concentrata sulla Gdo, potrà sbarcare anche nel food service.

 
Autore: Redazione di Largo Consumo
 
Tag argomenti: Sostitutivi del pane, grissini e cracker Dolciari Prodotti da forno Biscotti e Pasticceria industriale Snack e Fuori pasto Merger e Acquisition
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: Monviso Pasticceria Tonon Monviso Spa Banco Popolare Banca Popolare Emilia Romagna Biscotteria Tonon Juliet’s Rondò L’Albero del grano Pm & Partners

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati