italiano italiano English English
11/02/2020
Largo Consumo 12/2019 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Welfare

Manovra, asili gratis ma posto solo per 1 bambino su 4

C’è posto solo per 1 bambino su 4 negli asili nido italiani, il 24% di quelli fino a tre anni d’età contro il parametro del 33% fissato dall’Unione Europea per poter conciliare vita familiare e professionale e promuovere la partecipazione delle donne al mondo del lavoro. Lo rivela un’analisi dell’Unione europea delle cooperative Uecoop su dati Istat in relazione all’annuncio del Ministero dell’Economia Gualtieri sugli asili gratis per le famiglie italiane dal prossimo primo gennaio 2020.I servizi di welfare familiare sono sempre più importanti e quelli legati all’infanzia hanno ormai un ruolo strategico soprattutto in presenza di due genitori che lavorano e che non hanno parenti a cui affidare i figli nelle ore di assenza fuori casa. La spesa per gli asili dell’infanzia in Italia – rileva Uecoop – sfiora [...]

Nell'articolo:

  • Bonus nido attivo su scala nazionale

C’è posto solo per 1 bambino su 4 negli asili nido italiani, il 24% di quelli fino a tre anni d’età contro il parametro del 33% fissato dall’Unione Europea per poter conciliare vita familiare e professionale e promuovere la partecipazione delle donne al mondo del lavoro. Lo rivela un’analisi dell’Unione europea delle cooperative Uecoop su dati Istat in relazione all’annuncio del Ministero dell’Economia Gualtieri sugli asili gratis per le famiglie italiane dal prossimo primo gennaio 2020.I servizi di welfare familiare sono sempre più importanti e quelli legati all’infanzia hanno ormai un ruolo strategico soprattutto in presenza di due genitori che lavorano e che non hanno parenti a cui affidare i figli nelle ore di assenza fuori casa. La spesa per gli asili dell’infanzia in Italia – rileva Uecoop – sfiora 1,5 miliardi di euro all’anno con oltre 350mila posti autorizzati su un totale di 1,4 milioni di bambini fra zero e due anni potenziali utenti. E non è un caso che per 6 dipendenti su 10 (59%) al primo posto nella classifica dei benefit aziendali preferiti (dati Ipsos) ci siano quelli legati alle spese familiari, dall’asilo alla scuola dei figli. Il welfare privato sta diventando sempre più complementare rispetto al pubblico per rispondere a una crescente richiesta di servizi e assistenza che arriva soprattutto da chi non ha possibilità di sfruttare reti familiari di sostegno a cui affidare i figli nelle ore di assenza fuori casa. E se da una parte il 46% dei benefit più desiderati è legato alle spese scolastiche dei figli per tasse e libri di testo c’è un altro 22% che punta su asili nido e baby sitter.

 

Bonus nido attivo su scala nazionale
Su scala nazionale, per tutte le famiglie, dal 2017 c’è il bonus asilo. Per i figli nati dall’1 gennaio 2016 (o adottati o in affidamento dalla stessa data) per ora spetta un contributo economico agganciato al versamento delle rette di asili nido pubblici e privati o al pagamento dell’assistenza domiciliare, per i bimbi con gravi malattie cronache. La somma annuale, inizialmente fissata in 1.000 euro, è stata portata a 1.500 per il 2019, il 2020 e il 2021. Per avere il benefit non sono previsti limiti di reddito. Ma bisogna fare attenzione alla compatibilità o meno con altre misure di sostegno (questo bonus non è cumulabile, ad esempio, con le detrazioni fiscali per la frequenza all’asilo nido e con il bonus infanzia, nei mesi di sovrapposizione).
Fonte: Elaborazione Largo Consumo
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Infanzia Risorse umane
 
Tag citati: Gualtieri, Istat, Unione europea delle cooperative Uecoop

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati