italiano italiano English English
03/04/2017
Largo Consumo 04/2017 - Approfondimento - pagina 31 - 1 pagina - Latella Elisa
 
 
Distribuzione automatica

Le responsabilità del gestore

Le macchine sono oggetti, non possono essere penalmente responsabili. Neanche i distributori automatici, che a tutti gli effetti vendono, cioè forniscono gli alimenti confezionati in cambio di monete. Chi risponde per loro? Chi li produce, che li affitta, chi è tenuto alla loro manutenzione? La Cassazione penale, con la sentenza n. 19.026 del 2 maggio 2013, ha affermato che “risponde di reato di cui all’art. 5, lett. d), della legge 283/1962, il legale rappresentante di una società per avere distribuito per il consumo alimentare, mediante un distributore automatico collocato presso altra ditta, del tè insudiciato da escrementi di topo”.

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Distribuzione Automatica o Vending Normativa Pubblica amministrazione
 
Tag citati: Cassazione penale, Cod. proc. pen., Haccp, legge 283/1962, legge n.283 del 1962, Osa, Regolamento Ce n. 852/2004, sentenza n. 19.026, Suprema Corte, Tribunale di Pesaro

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati