italiano italiano English English
01/07/2015
Largo Consumo 07-08/2015 - Notizia breve - pagina 87 - 1/8 di pagina - Redazione di Largo Consumo
 
 

Le etichette d’artista nella storia del vino

Quanto è importante l’etichetta per un vino? Molto, in realtà, e di questo le case vinicole sono consapevoli investendo nel design del prodotto. Quando poi si tratta di vini con caratteristiche particolarmente pregiate, magari destinati a diventare una rarità oppure oggetti da collezione, ecco che la firma di un artista di grido arriva a sancire una collaborazione storica.

Quanto è importante l’etichetta per un vino? Molto, in realtà, e di questo le case vinicole sono consapevoli investendo nel design del prodotto. Quando poi si tratta di vini con caratteristiche particolarmente pregiate, magari destinati a diventare una rarità oppure oggetti da collezione, ecco che la firma di un artista di grido arriva a sancire una collaborazione storica. E’ già successo una decina di volte nella storia contemporanea, in cui, sulla scia del nobilissimo precedente del Château Mouton Rothschild premiere cru, quasi tutti i “grandi” del Novecento hanno apposto il proprio nome sul label, da Picasso a Mirò, a Chagall e Dalì, da Warhol fino a protagonisti del nuovo millennio come Ilya Kabakov e Jeff Koons.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Vino Etichettatura Imballaggio
 
Tag citati: Chagall , Kabakov Ilya, Koons Jeff, Chateau Mouton Rothschild, Dalì, Miro, Picasso , Warhol

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati
Vino