italiano italiano English English
19/06/2019
Largo Consumo 05/2019 - Approfondimento - pagina 96 - 1 pagina - Pautasso Francesca
 
 
Silvicoltura piemontese

La riscossa dei castagni

La castagna e il castagno diventano punti avanzati dell’economia montana piemontese. È ciò che si prefigge il Centro di Castanicoltura del Piemonte grazie a due progetti e altrettante strategie denominate “Castagno Più” e “#CastagnoPiemonte”. Numerosi gli obiettivi da perseguire fra i quali custodire la biodiversità lottando contro le malattie della pianta e del frutto e limitando anche gli stress causati dal cambiamento climatico; adottare nuove tecniche selvicolturali per il bosco, assorbire le emissioni di CO2 grazie alle piantema in boschi gestiti e certificati. E non solo: l’ambizione più grande resta quella di usare il legno di castagno per le costruzioni e nuovi pezzi di arredo e diffondere il frutto in tutte le filiere alimentari possibili fino alla certificazione Unesco dei boschi di castagno piemontesi. Una sorta di masterplan che si svilupperà nei prossimi tre anni con il coinvolgimento del Psr (Programma...

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Ambiente Ortofrutta e ortofrutticoli Frutticoltura
 
Tag citati: Beccaro Gabriele Loris, Borgo delle castagne, Bozzolo Marco, Centro di Castanicoltura del Piemonte, Chiaberto Paolo, Cooperativa La Marruna, Ecoforeste, Ferraris Giorgio, Locatelli Guido, Riba Lido, Uncem Piemonte, Unesco, Università di Torino

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati