italiano italiano English English
01/02/2017
Largo Consumo 02/2017 - Approfondimento - pagina 96 - 2 pagine - Capuzzo Nicola
 
 
Trasporti refrigerati

La complessità della catena del freddo

La complessità logistica delle filiere agroalimentari rappresenta da anni una sfida in continua evoluzione per le aziende produttrici e per gli operatori del trasporto. Come ben spiegato dal Quaderno intitolato “Sistemi di logistica e trasporto per il settore agroalimentare in Italia” edito dal CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), la logistica agroalimentare si può suddividere in quattro categorie a seconda della tipologia di conservazione degli alimenti e della necessità di rapidità nelle operazioni di distribuzione e consegna: fresco, freschissimo, surgelato e prodotti che non hanno bisogno di tecnologie del freddo. La complessità logistica risulta essere elevata soprattutto per le prime tre tipologie.


Nell'articolo:
  • Box: La criticità principale nella supply chain dei freschi: il controllo della temperatura

    Nell'articolo:
    • Box: La criticità principale nella supply chain dei freschi: il controllo della temperatura
       
       
      Abbonati per leggere il contenuto
       
      Tag argomenti: Trasporti Surgelazione, congelazione e refrigerazione Surgelati
       
      Tag citati: Cnr, Codé Crai Ovest, Consiglio nazionale delle ricerche, Dispensa Logistics, Drewry, Eur, Gentile Giuseppe, Lanini Luca, Muller, Rfid, Silvestri Michele, Sistemi di logistica e trasporto per il settore agroalimentare in Italia, Stef Logistics Italia, Università Cattolica di Piacenza-Cremona

      Notizie correlate

      Percorsi di lettura correlati