01/02/2016
Largo Consumo 02/2016 - Notizia breve - pagina 99 - 1/6 di pagina - Redazione di Largo Consumo
 
 

L’impegno ambientale dell’industria birraria

In 25 anni l’industria della birra ha dimostrato la sua forte sensibilità sui fronti ambientali e del riciclo, arrivando a ridurre di circa due terzi i quantitativi d’acqua consumati a fini produttivi: in termini concreti si tratta di circa 9 miliardi di litri risparmiati ogni anno, pari al fabbisogno idrico di una regione come la Valle d’Aosta. Numeri sottolineati dal presidente di Assobirra, Piero Perron, all’incontro promosso dai Giovani di Federalimentare sull’economia circolare.

In 25 anni l’industria della birra ha dimostrato la sua forte sensibilità sui fronti ambientali e del riciclo, arrivando a ridurre di circa due terzi i quantitativi d’acqua consumati a fini produttivi: in termini concreti si tratta di circa 9 miliardi di litri risparmiati ogni anno, pari al fabbisogno idrico di una regione come la Valle d’Aosta. Numeri sottolineati dal presidente di Assobirra, Piero Perron, all’incontro promosso dai Giovani di Federalimentare per discutere il documento guida sull’economia circolare della Commissione europea. L’impegno dell’associazione dei birrifici è quello, entro il 2020, di ridurre di un ulteriore 25% i consumi idrici e del 40-50% rispetto al 1990 le emissioni di CO2.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Ambiente Birra
 
Tag citati: Assobirra, Perron Piero, Federalimentare, Commissione europea, CO2

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati
Birra