italiano italiano English English
05/08/2019
Largo Consumo 07/08 - 2019 - Approfondimento - pagina 92 - 1 pagina - Brancaccio Arcangelo
 
 
Microplastiche

L’emergenza rivelata dal sale

Dopo i pesci, i frutti dimare e persino l’acqua del rubinetto, ora è la volta del sale. Una ricerca condotta da Greenpeace in collaborazione con l’Università di Incheon in Corea del Sud e pubblicata sulla rivista internazionale Environmental Science & Technology è arrivata all’inquietante risultato che il 90% delle marche di sale provenienti da tutto il mondo è contaminato da frammenti di plastica inferiori ai 5 mm, cioè microplastiche. Su 39 campioni di vari marchi che l’indagine ha preso in esame, ben 36 sono risultati inquinati da microplastiche e non erano provevienti solo dal mare, ma anche dai laghi salati e dalle miniere, a dimostrazione di quanto sia estesa a livello globale la contaminazione da plastiche. Nei campioni di sale marino – 28 marchi provenieni da 21...

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Ambiente Inquinamento Plastica Sale alimentare
 
Tag citati: Coca-Cola, Colgate , Danone, Environmental Science & Technology, Ferrero, Greenpeace, Johnson&Johnson, Mars, Nestlé, Seung-Kyu Kim, Ungherese Giuseppe, Unilever, Università di Incheon

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati