01/03/2016
Largo Consumo 03/2016 - pagina 117 - Notizia breve - 1/3 di pagina
 
 
Studi e ricerche

L’economia dei dati rubati (www.mcafee.com)

Violare la privacy degli utenti in rete, sottraendo dati personali sensibili, rappresenta un’attività lucrosa per coloro che la esercitano. A fornirne una quantificazione è uno studio a cura di McAfee Labs che ha raccolto numerosi elementi di valutazione per capire in che modo i diversi tipi di dati [...] Leggi tutto

Violare la privacy degli utenti in rete, sottraendo dati personali sensibili, rappresenta un’attività lucrosa per coloro che la esercitano. A fornirne una quantificazione è uno studio a cura di McAfee Labs che ha raccolto numerosi elementi di valutazione per capire in che modo i diversi tipi di dati rubati possono essere rivenduti e quali sono i parametri dei prezzi corrisposti per ogni tipologia. Nell’economia del cybercrime, quelli più rubati e rivenduti sono i dati relativi alle carte di pagamento. È stato possibile individuare una gerarchia di valore riguardo al modo con cui a questi dati vengono assegnati i prezzi esposti in catalogo per essere offerti sul mercato nero. L’offerta base comprende il numero di conto principale, la data di scadenza e il codice CVV2. Gli offerenti si riferiscono alla combinazione di numero valido con il termine “Random”, mentre i generatori di numeri di carte di credito valide si possono reperire, anche gratuitamente, in rete. Il prezzo aumenta in rapporto alle ulteriori informazioni disponibili, per esempio il numero di conto bancario, la data di nascita della vittima e altre informazioni, classificate come “Fullzinfo” che possono comprendere anche l’indirizzo di fatturazioni, il codice PIN, quello di previdenza sociale, la data di nascita, il cognome da nubile della madre, eccetera. Tutti elementi che, poi, possono servire ai malviventi a compiere un maggior numero di operazioni. Tra le varie possibilità che hanno i criminali informatici risulta poi anche l’acquisto di credenziali di accesso ai servizi bancari che consentono di trasferire all’estero di nascosto fondi rubati.

 
Autore: Redazione di Largo Consumo
 
Tag argomenti: Carte di credito e di debito Crimine e malavita Frodi e Truffe Internet
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: CVV2 Intel Security McAfee Lab McAfee Labs Pin The Hidden Data Economy www.mcafee.com “Fullzinfo” “Random”

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati