italiano italiano English English
13/06/2018
Mercato & Imprese 2018 - Notizia breve - Estrapolazione - Redazione di Largo Consumo
 
 
Prodotti a marchio

L’andamento della private label nei comparti dietetici, salutistici, funzionali

Prosegue la scalata dei prodotti innovativi (premium, salutistici, free from, biologici e ad alto contenuto di servizio), che coinvolge inevitabilmente anche il mondo della private label. Stando ai dati dell’Osservatorio Sana (2017), nel 2016 il numero di referenze bio a marchio del supermercato ha raggiunto le 2.857 unità (+26%). Quanto all’incidenza sul totale dei singoli comparti, i dati Plma (Private label manufacturers association) relativi al 2016 raccontano un’elevata penetrazione della marca del distributore anzitutto nelle bevande a base di soia (23,4% a volume e 19,1% a valore) e in quelle non gassate a base di frutta (29,4% a volume e 25,3% a valore). Ottime, nonostante il lieve calo rispetto all’anno precedente, le performance della private label nei [...]

Nell'articolo:

  • Alimenti dietetici, salutistici, funzionali a marchio del distributore, quote % di mercato, 2015-2016

Prosegue la scalata dei prodotti innovativi (premium, salutistici, free from, biologici e ad alto contenuto di servizio), che coinvolge inevitabilmente anche il mondo della private label.

Stando ai dati dell’Osservatorio Sana (2017), nel 2016 il numero di referenze bio a marchio del supermercato ha raggiunto le 2.857 unità (+26%).

Quanto all’incidenza sul totale dei singoli comparti, i dati Plma (Private label manufacturers association) relativi al 2016 raccontano un’elevata penetrazione della marca del distributore anzitutto nelle bevande a base di soia (23,4% a volume e 19,1% a valore) e in quelle non gassate a base di frutta (29,4% a volume e 25,3% a valore).

Ottime, nonostante il lieve calo rispetto all’anno precedente, le performance della private label nei succhi di frutta 100%, con quote pari al 38,9% a volume e al 35,6% a valore.

Nel settore piatti pronti freschi si distinguono invece le insalate, dove il marchio del distributore registra un’incidenza del 23,1% a volume (+6,1%) e del 20,7% a valore (-3,6%).

La Mdd perde quota nei prodotti senza glutine: rispetto al 2015, i dati sono del 17,3% a volume (-3,2%) e dell’11,5% a valore (-3%).

Questa è una estrapolazione. Per leggere il contenuto originale, clicca qui.

Alimenti dietetici, salutistici, funzionali a marchio del distributore,
quote % di mercato, 2015-2016
  in volume in valore
prodotto 2015 2016 var. 2015 2016 var.
bevande a base soia 22,9 23,4 0,5 18,4 19,1 0,8
bevande non gassate di estratti vegetali 7,4 5,6 -1,8 6 4,2 -1,8
bevande non gassate a base frutta 31 29,4 -1,6 28,2 25,3 -2,9
succhi di frutta 100% 40,9 38,9 -2 36,1 35,6 -0,5
altre bevande alla frutta 19,9 20,9 1 16,6 17,3 0,7
zuppe pronte 7,7 8,8 1,1 8,8 10 1,2
piatti principali pronti 18 14,5 -3,5 13,6 11,2 -2,4
insalate pronte 16,9 23,1 6,1 24,4 20,7 -3,6
antipasti pronti 13,9 11,7 -2,2 13,5 12,5 -1
prodotti aproteici senza glutine 20,5 17,3 -3,2 14,5 11,5 -3
Fonte: elaborazione di Largo Consumo su dati Plma
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Biologico Alimenti Funzionali, Dietetici e Probiotici Succhi e nettari di frutta Marca commerciale o Private Label Piatti Pronti Alimentare Agroalimentare
 
Tag citati: Osservatorio Sana, Plma, Private Label Manufacturers Association

Notizie correlate