italiano italiano English English
01/09/2017
Largo Consumo 09/2017 - Approfondimento - pagina 70 - 1 pagina e 1/3 - Pepe Mariolina
 
 
Approfondimento: Street food

L’Italia dei cibi di strada

Già nell’antica Roma era molto apprezzato, oggi ancor di più. Ogni Regione ha la sua specialità, espressione di un territorio e di una tradizione. Tutto questo è lo street food, ossia il cibo che si acquista in un chiosco, in un banchetto o in un food truck e che si consuma per strada. Il panino con il lampredotto in Toscana, la piadina e le tigelle in Emilia Romagna, le olive ascolane nelle Marche, la pizza fritta a Napoli e gli arancini in Sicilia sono solo alcuni esempi di cibo di strada tipicamente made in Italy. Per tutelare e promuovere il vero street food in quanto «cultura da riportare in auge con il giusto progetto che la inquadri all'interno del mercato», nel 2008 è nata l’Associazione Streetfood.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Ristorazione
 
Tag citati: Ape, Apecar, ApeRomeo, Associazione Streetfood, Basulon, Bowerman Cristina, Camera di Commercio, Capitale, Comune, Facebook, Haccp, Instagram, La Toraia, Le rotte del gusto, Paese, PolentApe, Rec, Regione, Registro esercenti il commercio, Ricciarini Massimiliano, Università di Siena

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati