italiano italiano English English
01/06/2018
Largo Consumo 06/2018 - Approfondimento - pagina 27 - 1 pagina - Raimondi Gianluigi
 
 
Riso

Invasi dalle varietà asiatiche

Le risaie italiane, un tempo tra i fiori all’occhiello dell’agricoltura nazionale, rischiano di restare a secco per sempre. E non certo per colpa della siccità. Sul banco degli imputati sono Paesi asiatici quali la Cambogia e il Myanmar (l’ex Birmania), che stanno letteralmente invadendo il Vecchio Continente con le loro varietà di riso, e l’Unione europea che ha finora permesso di importare senza dazi le produzioni provenienti da queste zone dell’estremo Oriente. I numeri parlano chiaro e sono a dir poco allarmanti: lo scorso anno, l’import cambogiano e dalla Birmania è quasi triplicato in Italia a 22,5 milioni di kg, tanto che un pacco di riso su 4 venduto nel Belpaese – avverte Coldiretti – contiene prodotto straniero con la produzione asiatica che rappresenta circa la metà del riso che approda sul territorio nazionale.


Nell'articolo:

Nell'articolo:
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Riso Import Export
 
Tag citati: Carnaroli, Arborio, Centro ricerche sul riso, Chicago Board of Trade, Cia-Agricoltori, Coldiretti, Ente Nazionale Risi, Mercosur, Roma, Usda, Vialone Nano

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati