italiano italiano English English
03/09/2018
Largo Consumo 07-08/2018 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Prosecco

Inchiesta Il Salvagente, troppi pesticidi nelle bollicine

Il Salvagente punta i riflettori sul prosecco e denuncia che nei vigneti si fa ancora troppo uso di fitofarmaci. In molte delle bottiglie che la testata ha portato in laboratorio sono stati trovati residui di pesticidi. Anche se vengono rispettati i limiti di legge resta il problema di come si possa sommare l’azione dei diversi residui chimici. La testata ha selezionato dodici bottiglie fra le più vendute nei supermercati. Agli esperti di laboratorio è stato chiesto di rilevare la presenza di 352 sostanze potenzialmente dannose per l’uomo tra quelle appartenenti alle categorie dei solfiti, erbicidi, fungicidi e diserbanti. L’indagine ha evidenziato che tutte e dodici le bottiglie presentavano almeno [...]

Nell'articolo:

  • Verso una maggiore sostenibilità della produzione

Il Salvagente punta i riflettori sul prosecco e denuncia che nei vigneti si fa ancora troppo uso di fitofarmaci. In molte delle bottiglie che la testata ha portato in laboratorio sono stati trovati residui di pesticidi. Anche se vengono rispettati i limiti di legge resta il problema di come si possa sommare l’azione dei diversi residui chimici. La testata ha selezionato dodici bottiglie fra le più vendute nei supermercati. Agli esperti di laboratorio è stato chiesto di rilevare la presenza di 352 sostanze potenzialmente dannose per l’uomo tra quelle appartenenti alle categorie dei solfiti, erbicidi, fungicidi e diserbanti. L’indagine ha evidenziato che tutte e dodici le bottiglie presentavano almeno un residuo di pesticida, con una media totale di sei a testa. In nessuno dei vini sotto esame è stata trovata una percentuale di residui superiore al limite massimo consentito per ogni sostanza. Le soglie sono però costruite sul singolo principio attivo e non prendono in considerazione gli eventuali problemi di sicurezza e salubrità derivanti dalla presenza di sostanze diverse e dall'associazione delle molecole tra loro.

 

Verso una maggiore sostenibilità della produzione
Nel 2017 l’assemblea dei soci che compongono il Consorzio Prosecco Doc ha votato per la rimozione di glifosato, folpet e mancozeb a partire dalla campagna vitivinicola del 2018
Il consorzio del Prosecco Conegliano-Valdobbiadene Docg ha deciso che dal 1° gennaio 2019 l’impiego di erbicidi contenenti glifosato sarà vietato nelle aree di produzione
Fonte: Elaborazione Largo Consumo
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Spumanti e champagne Agricoltura Pesticidi, antiparassitari, fitofarmaci Tracciabilità della Filiera
 
Tag citati: Il Salvagente

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati