01/07/2015
Largo Consumo 07-08/2015 - Notizia breve - pagina 79 - 1/6 di pagina - Redazione di Largo Consumo
 
 

Il rischio cancro legato all’obesità

L’allarme proviene dalla Società Americana di Oncologia Medica (Asco): l’obesità sta raggiungendo il poco auspicabile primato tra le cause, peraltro prevenibili, di cancro, superando così il tabacco

L’allarme proviene dalla Società Americana di Oncologia Medica (Asco): l’obesità sta raggiungendo il poco auspicabile primato tra le cause, peraltro prevenibili, di cancro, superando così il tabacco. Secondo le stime più recenti, il sovrappeso è diretto responsabile in Italia di circa il 3% di tutti i tumori maschili e del 7% di quelli femminili. Il motivo di forte preoccupazione è legato all’aumento dei tassi di obesità, raddoppiati dal 1980 in tutto il mondo, tanto che oggi nel nostro Paese ad avere chili di troppo è una persona su due. Il trend purtroppo non sembra destinato a rallentare e per questo gli esperti ritengono che l’ingrassamento causerà più tumori nel 2030 dello stesso fumo.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Salute, Sanità e Benessere Abitudini di alimentazione
 
Tag citati: Società Americana di Oncologia Medica , Asco

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati