italiano italiano English English
01/03/2017
Largo Consumo 03/2017 - Approfondimento - pagina 93 - 1 pagina - Manara Margherita
 
 
Approfondimento: Crowfunding

Il prestito diventa peer-to-peer

Finalmente riconosciuta e normata l’attività di peer-to-peer (p2p) lending. Entrano in vigore dal 1 gennaio 2017 le disposizioni in materia di intermediazione del risparmio da parte di soggetti diversi dalle banche. Si tratta di uno strumento attraverso il quale una pluralità di soggetti può richiedere a una pluralità di potenziali finanziatori fondi rimborsabili per uso personale o per finanziare un progetto, tramite piattaforme on-line. Il fenomeno, in pieno sviluppo, deve il suo successo a partire dal 2008 dalla contrazione di prestiti a imprese e privati da parte bancaria. L’idea di svincolare il credito dalla banche è nata in Inghilterra nel 2005, con un sito web chiamato Zopa, che sino a oggi ha erogato circa 800 milioni di dollari in prestiti.


Nell'articolo:

Nell'articolo:
 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Credito e Banche Normativa Internet
 
Tag citati: artt 1813 e segg. del codice civile, Banca d’Italia, Funding Circle, Goldman Sachs, Lending Club,, OnDeck, Paese, Pmi, Prestiamoci, PSD - Payment Service Directive, reports.crowdsoucing.org, Royal Bank of Scotland, Santander, Smartika, Société Générale, Titolo V-ter TUB, TUB, Vecchio Continente, Workinvoice, Zopa

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati