italiano italiano English English
28/05/2018
Largo Consumo 05/2018 - Approfondimento - pagina 64 - 3 pagine - Bagni Benedetta
 
 
Abbigliamento

Il lato social del vestirsi

Il settore moda è mutato radicalmente negli ultimi anni. Cambiano le logiche commerciali e la gestione dei canali distributivi, ma a essersi modificata è soprattutto la richiesta dei clienti che con l’avvento dell’ecommerce si fanno sempre più attenti non solo alle dinamiche di prezzo e alla qualità dei prodotti, ma anche alle nuove offerte rivolte alla digitalizzazione e all’utilizzo di tecnologie. A chiusura dell’anno passato, è particolarmente interessante l’indagine congiunturale condotta da Sistema moda Italia (Smi) presso un centinaio di aziende associate operanti in tutti gli stadi della filiera: ha mostrato una chiusura in positivo per il made in Italy nel 2017, con ricavi oltre i 54,1 miliardi di euro, in crescita del 2,4% rispetto all’anno precedente, battendo tutte le stime che avevano ipotizzato un aumento...


Nell'articolo:

Nell'articolo:
 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Abbigliamento esterno Abbigliamento Commercio elettronico Internet
 
Tag citati: Aere Adriano, Amazon, Arket, Auchan, Bonifazi Alessia, Confindustria Moda, Cos e & Other stories, Decathlon, Dixie, Esmara by Heidi Klum, ForMe, Gagliardi Monica, H&M, Il Centro, Imperial, Ivi fashion, Johansson Ann-Sofie, Kiabi, Larsson Carl , Larsson Karin, Leroy Merlin, Lidl, LIUC, Mallet Solène, Molinero Ivana, Molinero Paolo, Molinero Riccardo, Mulliez, Nordstorm, Pasini Emanuele, Pimkie, Please, Priamark, Sneakerboy, Spotify, Terranova, Trinita’s, Truth & fable

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati