italiano italiano English English
12/10/2017
Largo Consumo 09/2017 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Etichette

Il Dlgs sanzioni per indicazioni errate

L’8 settembre il Consiglio dei Ministri ha approvato un Dlgs che propone un “quadro sanzionatorio di riferimento unico per la violazione delle norme sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori e consentire un’applicazione uniforme delle sanzioni a livello nazionale“. Si tratta di una disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento Ue n. 1.169/2011. Le sanzioni, di tipo amministrativo, vanno dai 150 ai 150.000 euro, con 5 scaglioni in base alla [...]


Nell'articolo:
  • Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento Ue n. 1.169/2011

    L’8 settembre il Consiglio dei Ministri ha approvato un Dlgs che propone un “quadro sanzionatorio di riferimento unico per la violazione delle norme sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori e consentire un’applicazione uniforme delle sanzioni a livello nazionale“. Si tratta di una disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento Ue n. 1.169/2011.

    Le sanzioni, di tipo amministrativo, vanno dai 150 ai 150.000 euro, con 5 scaglioni in base alla gravità della violazione.

    Il Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali è stato individuato quale autorità amministrativa unica competente per l’irrogazione delle sanzioni.

    Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento Ue n. 1.169/2011
    il decreto dispone un quadro sanzionatorio di riferimento unico per la violazione delle norme sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori
    si individua l’Icqrf quale autorità amministrativa competente per l’irrogazione delle sanzioni
    le sanzioni, di natura amministrativa, vanno da 150 euro a 150.000 euro
    sono stati individuati 5 scaglioni di diverso importo della sanzione
    Fonte: elaborazione di Largo Consumo su dati ufficiali

    Nell'articolo:
    • Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento Ue n. 1.169/2011
       
       
      Registrati per leggere il contenuto
       
      Tag argomenti: Etichettatura Pubblica amministrazione Alimentare
       
      Tag citati: Consiglio dei Ministri, Icqrf, Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari, Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali

      Notizie correlate

      Percorsi di lettura correlati