italiano italiano English English
12/04/2018
Largo Consumo 03/2018 - Approfondimento - pagina 45 - 2 pagine - Sala Carlo
 
 
Acquaderivati

Ghiaccio alimentare da regolamentare

uò un elemento idealmente così puro come il ghiaccio veicolare contaminazioni? Sì, secondo un apparente paradosso illustrato alcuni mesi fa al convegno “Il ghiaccio, un alimento troppo spesso sottovalutato” promosso dall’Istituto nazionale del ghiaccio alimentare (Inga) con la partecipazione del Ministero della Salute, delle Regioni Lombardia e Sicilia e di esperti del ramo. Il ghiaccio può consentire di preservare microrganismi portatori di rischi fisici, chimici o microbiologici che possono avere origine dalla materia prima da cui esso deriva (l’acqua) o dall’ambiente in cui viene lavorato, conservato e smerciato. L’Italia non registra ancora consumi di ghiaccio agli stessi livelli della Spagna (oltre 400.000 t annue, di cui circa la metà è prodotta e confezionata in grandi stabilimenti), ma presenta, a detta della European packaged ice association...

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Acqua Sicurezza Alimentare
 
Tag citati: Aldrovandi Mauro, Aperol, Bacardi, Bain&Company, Benedetti Andrea, Brusutti Paolo, Carotti Nicla, Coca-Cola, Conad, D’Orso Michael , Epla, Ice Company, Ice Cube, Inga, ISeven servizi, Jass Punto Ghiaccio, Lipocelli Leopoldo , Martini, Ministero della Salute, Mondo Ghiaccio,, Mr. Ice, Nutrition Foundation of Italy, Olivetti Giuseppe, Poli Andrea, Polo Nord Ice Cubes, Pronto Ghiaccio, Regione Lombardia, Regione Sicilia

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati
Acqua