italiano italiano English English
25/05/2017
Largo Consumo 05/2017 - Notizia breve - Pubblicato online - Redazione di Largo Consumo
 
 
Etichettatura

Foodwatch chiede etichette più leggibili

Informazioni chiare e immediate sulle confezioni dei prodotti alimentari: sono le richieste lanciate da Foodwatch attraverso la nuova campagna “Stop alle etichette illeggibili”. L’ong francese si batte da anni per un mercato trasparente in cui il consumatore sia libero di decidere ciò che mangia, in modo consapevole e sicuro. L’organizzazione ha recentemente lanciato una petizione contro le scritte illeggibili che spesso compaiono sui cibi confezionati. Foodwatch chiede alla Commissione europea di stabilire un carattere minimo più grande per le scritte sugli alimenti, rispetto agli attuali 1,2 milllimetri richiesti dalla...

Informazioni chiare e immediate sulle confezioni dei prodotti alimentari: sono le richieste lanciate da Foodwatch attraverso la nuova campagna “Stop alle etichette illeggibili”. L’ong francese si batte da anni per un mercato trasparente in cui il consumatore sia libero di decidere ciò che mangia, in modo consapevole e sicuro. L’organizzazione ha recentemente lanciato una petizione contro le scritte illeggibili che spesso compaiono sui cibi confezionati. Foodwatch chiede alla Commissione europea di stabilire un carattere minimo più grande per le scritte sugli alimenti, rispetto agli attuali 1,2 milllimetri richiesti dalla normativa. La situazione risulta anche peggiore per i piccoli imballaggi, dove possiamo trovare scritte di 0,9 mm. Secondo l’ong, è un’aberrazione che consente ai produttori di ridurre al minimo le informazioni essenziali per i consumatori, come la composizione degli alimenti o l’apporto nutrizionale, lasciando grande spazio alla marca e agli altri espedienti del markwting. Il fatto Alimentare ha deciso di sostenere questa iniziativa, contribuendo alla raccolta di firme che dopo due giorni aveva già superato le 22 mila adesioni.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Etichettatura Sicurezza
 
Tag citati: Commissione europea, Foodwatch

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati