28/10/2015
Largo Consumo 10/2015 - Notizia breve - 1 pagina - pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Carni e salumi

Federcarni: quello che preoccupa è l’effetto allarmismo

Federcarni-Confcommercio, la Federazione nazionale macellai, è preoccupata per l’effetto allarmismo che può derivare dalle affermazioni dell’International Agency for Research on Cancer dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) – che ha inserito le carni rosse lavorate fra le sostanze che possono causare il cancro - con una ricaduta negativa concreta sull’attività di migliaia di imprese della produzione e della distribuzione di qualità.

Federcarni-Confcommercio, la Federazione nazionale macellai, è preoccupata per l’effetto allarmismo che può derivare dalle affermazioni dell’International Agency for Research on Cancer dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) – che ha inserito le carni rosse lavorate fra le sostanze che possono causare il cancro - con una ricaduta negativa concreta sull’attività di migliaia di imprese della produzione e della distribuzione di qualità.

 

Non bisogna mai commentare d’istinto quando si tratta di indicazioni di carattere scientifico – rileva Maurizio Arosio, presidente di Federcarni – ma non si può sottacere il grave rischio allarmismo. Proprio in questo periodo, come Federcarni, abbiamo avviato la campagna delle borse della carne con messaggi importanti per i consumatori sulle qualità della carne rossa che, magra - secondo una ricerca americana (Penn State University) - fa bene alla salute; sul fatto che la carne sia oggi uno degli alimenti più controllati e sicuri, e su quanto sia importante il ruolo del macellaio nel saper consigliare”.

 

I criteri generali di una sana alimentazione: qualità e moderatezza – conclude Arosio - sono le risposte giuste”.

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Carni rosse Salumi Tracciabilità della Filiera Salute, Sanità e Benessere Abitudini di alimentazione
 
Tag citati: Arosio Maurizio, Confcommercio, Federazione nazionale macellai, Federcarni, International Agency for Research on Cancer, O.M.S., Organizzazione mondiale della sanità, Penn State University

Notizie correlate