11/11/2015
Largo Consumo 11/2015 - Approfondimento - pagina 82 - 2 pagine - Alessia Ferri
 
 
Licensing

Dall’editoria per ragazzi una spinta ai consumi

L’editoria per ragazzi sta acquisendo un peso specifico sempre più marcato nel mercato editoriale globale, tanto da raggiungere numeri importanti e portare alla luce personaggi in grado di divenire vere proprie icone per i più piccoli. Un trend degli ultimi decenni che dalla carta si sta allargando a macchia d’olio ad altri comparti, tra cui il licensing. Lo studio Licensing Industry Survey 2014 condotto da PwC e commissionato da Licensing Italia-Lima ha evidenziato in un totale di 680 milioni di euro le revenues incassate dai principali licensors italiani per property legate a entertainment, corporate brand, sport e arte. «Negli ultimi anni il segmento pre-school – spiega Roberta Nebbia di Licensing Italia – ha suscitato un interesse sempre crescente.

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Editoria Infanzia Licensing
 
Tag citati: Licensing Industry Survey 2014, Licensing Italia-Lima, PwC, Nebbia Roberta, Topo Tip, Domi Andrea, Giunti, Pinetti Pietro, Bozzetto Studio, Studio Campedelli, M4e, Rai, Super Rtl, Rai Yoyo, Clementoni, Micart, Pon Pon Edizioni, Novartis, Kidz, Kimbe, Geronimo Stilton, Eco del Roditore, Dami Elisabetta, Geraci Rachele, Atlantyca Entertainment, Telecom Italia, Minr Lombardia, Gut, Sodico, Bat Pat, L&M, Planeta Junior, Fenu Simone, Planeta Junior Italia, Heidi, Dreamworks, Home, Trolls, Playmobil, Super 4, Peter Pan, Egyxos, Gruppo de Agostini, Winx Club, Buzzelli Cristina, Rainbow, Fabbri/Rizzoli, Edicart, Mia and Me, Winx

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati