11/07/2016
Largo Consumo 06/2016 - - Notizia breve - 1 pagina - pubblicato on line
 
 
Agricoltura

Continua la crescita del biologico

Anabio-Cia lavora ormai da anni perchè il biologico esca dal ruolo “di nicchia” e diventi il nuovo paradigma produttivo. In occasione dell'Assemblea nazionale tenutasi a Roma, dal titolo “Scommettere sul biologico come modello agricolo del futuro”, il presidente di Anabio Federico Marchini ha spiega [...] Leggi tutto

Anabio-Cia lavora ormai da anni perchè il biologico esca dal ruolo “di nicchia” e diventi il nuovo paradigma produttivo. In occasione dell'Assemblea nazionale tenutasi a Roma, dal titolo “Scommettere sul biologico come modello agricolo del futuro”, il presidente di Anabio Federico Marchini ha spiegato che “il sistema biologico è capace di dare risposte: ai consumatori che vogliono qualità e genuinità; al pianeta, in termini di salvaguardia dell’ambiente; agli agricoltori, per il giusto reddito”.

 

Un’affermazione confermata dai dati:

  • 55.433 di operatori biologici (+6% annuo)

  • 1,4 milioni di ettari coltivati a Bio (11% SAU nazionale; +6% annuo)

  • 2.1 mld di euro il valore complessivo del mercato (+20% sul 2015)

 

“La crescita quantitativa dell’agricoltura biologica -ha aggiunto Marchini- crediamo che possa divenire un potente driver per tirare fuori dalle difficoltà l’intero settore agroalimentare. Ma per concretizzare questo obiettivo bisogna riorganizzare la rappresentanza politico-professionale del mondo produttivo. Il Piano Strategico Nazionale per lo Sviluppo del Sistema Biologico dovrebbe favorire la stipula di una vera e propria alleanza tra il modo produttivo e le istituzioni nazionali e regionali”.

 

Per una reale affermazione del biologico -è intervenuto il presidente nazionale della Cia Dino Scanavino- “devono essere portate a soluzione le questioni relative alla semplificazione legislativa e amministrativa. Allo stesso tempo devono essere potenziare le attività di ricerca e innovazione”. Solo così “il Piano  Strategico Nazionale potrà realmente diventare fattore di sviluppo e consentire di costruire una nuova fase dell’agricoltura e dell’agroalimentare italiano”.

 

"A livello istituzionale -ha affermato il viceministro delle Politiche agricole Andrea Olivero- continueremo a lavorare nei prossimi mesi per l’attuazione del Piano Strategico, andando avanti sull’accompagnamento, sulle azioni di promozione e soprattutto su una revisione del sistema di controllo con meno burocrazia per le imprese”.

 
Autore: Redazione di Largo Consumo
 
Tag argomenti: Agricoltura Biologico
 
Leggi tutto
Contenuto fruibile tramite registrazione
Tag citati: Scanavino Dino Anabio Anabio Cia Assemblea Nazionale B´io Cia Marchini Federico Olivero Andrea Piano Strategico Nazionale per lo Sviluppo del Sistema Biologico Politiche Agricole Sau “Scommettere sul biologico come modello agricolo del futuro”

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati