italiano italiano English English
09/12/2019
Largo Consumo 10/2019 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Ristorazione

Burger King lancia l’hamburger vegetariano

La catena di fast food Burger King, ha introdotto, grazie a una partnership stipulata con il colosso alimentare Unilever per l’approvvigionamento, burger vegetali in 2.500 ristoranti di 25 Paesi europei (tra i quali Germania, Gran Bretagna, Spagna, Polonia e Italia). Burger King ha preferito Unilever perché il suo fornitore americano, Impossible Food, non ha ancora ottenuto l’autorizzazione alla vendita della sua carne vegana nel vecchio continente. In attesa del via libera, l’azienda ha preferito affidarsi a Unilever o, per meglio dire, alla società olandese The Vegetarian Butcher, che da quasi un decennio studia i surrogati vegetali della carne. Per questo motivo la società è stata acquistata un anno fa dalla multinazionale, con l’idea di evitare le carenze di materie prime che hanno spesso danneggiato il mercato americano, preso alla sprovvista dall’incredibile successo di questi prodotti. The Vegetarian Butcher può contare sulle proprie coltivazioni di soia, principale ingrediente dei burger vegetali e delle altre false carni. Ai clienti europei saranno proposti [...]

Nell'articolo:

  • Carne vegana: la crescita del settore

La catena di fast food Burger King, ha introdotto, grazie a una partnership stipulata con il colosso alimentare Unilever per l’approvvigionamento, burger vegetali in 2.500 ristoranti di 25 Paesi europei (tra i quali Germania, Gran Bretagna, Spagna, Polonia e Italia). Burger King ha preferito Unilever perché il suo fornitore americano, Impossible Food, non ha ancora ottenuto l’autorizzazione alla vendita della sua carne vegana nel vecchio continente. In attesa del via libera, l’azienda ha preferito affidarsi a Unilever o, per meglio dire, alla società olandese The Vegetarian Butcher, che da quasi un decennio studia i surrogati vegetali della carne. Per questo motivo la società è stata acquistata un anno fa dalla multinazionale, con l’idea di evitare le carenze di materie prime che hanno spesso danneggiato il mercato americano, preso alla sprovvista dall’incredibile successo di questi prodotti. The Vegetarian Butcher può contare sulle proprie coltivazioni di soia, principale ingrediente dei burger vegetali e delle altre false carni. Ai clienti europei saranno proposti diversi prodotti, tutti denominati Rebel (ribelle), per identificarli facilmente. Si partirà con il Whopper, già sperimentato in Svezia nei mesi scorsi, cui seguiranno altri prodotti come il finto pollo.

 

Carne vegana: la crescita del settore
Secondo gli analisti di Ubs il settore arriverà a fruttare 25 miliardi di dollari nel 2025, una cifra enorme, anche se per ora di molto inferiore agli 1,2 trilioni di dollari che muove attualmente la carne animale ogni anno. Inoltre si prevede, per i prossimi mesi, una crescita del 30%
Fonte: Ubs                              Largo Consumo
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Ristorazione Alimenti Funzionali, Dietetici e Probiotici
 
Tag citati: Burger King, Impossible Food, The Vegetarian Butcher, Unilever

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati