01/09/2015
Largo Consumo 09/2015 - Notizia breve - pagina 93 - 1/7 di pagina - Redazione di Largo Consumo
 
 

Basta recensioni comprate

Italia a Tavola contro TripAdvisor, una discesa in campo in risposta alle pressanti richieste di ristoratori e albergatori al colmo dell’indignazione dopo la puntata di Striscia la notizia che ha rivelato com’è ancora estremamente facile “truccare” le recensioni e acquistare “pallini verdi”, nonostante le proteste dei mesi scorsi e la multa comminata dall’Authority.

Italia a Tavola contro TripAdvisor, una discesa in campo in risposta alle pressanti richieste di ristoratori e albergatori al colmo dell’indignazione dopo la puntata di Striscia la notizia che ha rivelato com’è ancora estremamente facile “truccare” le recensioni e acquistare “pallini verdi”, nonostante le proteste dei mesi scorsi e la multa comminata dall’Authority. Di fronte al protrarsi dello stato di inadempienza del sito a mettere in atto provvedimenti all’altezza della situazione, Italia a Tavola, che negli ultimi anni si è sempre mobilitata contro scorrettezze e imbrogli vari, ha lanciato la campagna #NoTripAdvisor realizzando un cartello, scaricabile da Internet in pdf, da affiggere come vetrofania all’ingresso del locale eliminando il “certificato di eccellenza” rilasciato dal portale: una maniera semplice per segnalare che non si comprano recensioni.

 

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Ristorazione Alberghi Internet Turismo
 
Tag citati: #NoTripAdvisor, Authority, Italia a Tavola, Striscia la Notizia, TripAdvisor

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati