italiano italiano English English
07/11/2018
Largo Consumo 10/2018 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Vino

Barbera d’Asti conquista i ristoranti lombardi

Barbera d’Asti è uno dei vini più richiesti nei migliori ristoranti lombardi selezionati da Gatti Massobrio - Taccuino dei ristoranti d’Italia 2019. Secondo l’indagine effettuata dalla redazione della guida, tra 100 ristoranti premiati nell’ultima edizione di Golosaria, la Barbera d’Asti è anche un vino che piace molto al pubblico internazionale. 1 cliente su 4 che ordina questo vino infatti è straniero e arriva già intenzionato a ordinare il rosso piemontese. In generale la tipologia più ordinata è la superiore, quindi invecchiata più a lungo (61%), tuttavia cresce la fascia che ordina la più giovane e fruttata (39%). E anche gli stranieri iniziano a seguire questo trend: 1 su 3 predilige infatti la versione più giovane di [...]

Nell'articolo:

  • Barbera d’Asti, la reputazione tra i ristoratori lombardi (in %)

Barbera d’Asti è uno dei vini più richiesti nei migliori ristoranti lombardi selezionati da Gatti Massobrio - Taccuino dei ristoranti d’Italia 2019. Secondo l’indagine effettuata dalla redazione della guida, tra 100 ristoranti premiati nell’ultima edizione di Golosaria, la Barbera d’Asti è anche un vino che piace molto al pubblico internazionale.

1 cliente su 4 che ordina questo vino infatti è straniero e arriva già intenzionato a ordinare il rosso piemontese. In generale la tipologia più ordinata è la superiore, quindi invecchiata più a lungo (61%), tuttavia cresce la fascia che ordina la più giovane e fruttata (39%). E anche gli stranieri iniziano a seguire questo trend: 1 su 3 predilige infatti la versione più giovane di questo vino.

La richiesta di Barbera d’Asti evolve da un lato attraverso un traino dei vini rossi piemontesi in generale e dall’altro attraverso una conoscenza più approfondita del mondo della Barbera stessa da parte dei ristoratori.

Sempre dal medesimo sondaggio, emerge che nel 31% di chi ordina Barbera d’Asti si limita a questa tipologia di vino e invece nel 35% dei casi fa seguire all’assaggio un altro vino piemontese da uve nebbiolo. Questo implica che per 1/3 del pubblico barbera e nebbiolo siano i vitigni identificativi del territorio piemontese.

Barbera d’Asti, la reputazione tra i ristoratori lombardi (in %)
il 60% saprebbe elencarne oltre 5 diversi produttori
il 38% lo ha assaggiato in degustazioni dedicate e fiere
il 42% lo ha conosciuto tramite distributori specializzati e agenti
Fonte: elaborazione di Largo Consumo su dati Gatti Massobrio
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Vino Ristorazione Libri Ricerche di mercato Editoria
 
Tag citati: Golosaria, Massobrio - Taccuino dei ristoranti d’Italia 2019

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati