italiano italiano English English
12/09/2017
Largo Consumo 07-08/2017 - Notizia breve - Pubblicato online - Redazione di Largo Consumo
 
 
Welfare aziendale

Arrivano i flexible benefits per i metalmeccanici

Dal carrello della spesa, ai libri scolastici, dalle spese di trasporto ai buoni benzina: è assai ampio il ventaglio di beni acquistabili da oltre un milione di metalmeccanici che, dallo scorso 1° giugno, hanno a disposizione 100 euro da spendere per i Flexible Benefits. La cifra dal giugno 2018 diventerà di 150 euro, e dal giugno 2019 saranno 200 gli euro disponibili. Si tratta di una delle principali novità del contratto 2016-2019 rinnovato da Federmeccanica con Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm che prevede un consistente pacchetto di misure di welfare integrativo [...]

All'interno dell'articolo:

Tabella – I flexible benefits

Dal carrello della spesa, ai libri scolastici, dalle spese di trasporto ai buoni benzina: è assai ampio il ventaglio di beni acquistabili da oltre un milione di metalmeccanici che, dallo scorso 1° giugno, hanno a disposizione 100 euro da spendere per i Flexible Benefits. La cifra dal giugno 2018 diventerà di 150 euro, e dal giugno 2019 saranno 200 gli euro disponibili.
Si tratta di una delle principali novità del contratto 2016-2019 rinnovato da Federmeccanica con Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm che prevede un consistente pacchetto di misure di welfare integrativo, introducendo il diritto soggettivo alla formazione, potenziando la previdenza complementare, ed estendendo la sanità integrativa gratuita a tutti i lavoratori e ai loro familiari. A partire dai Flexible Benefits che, per effetto del regime fiscale di favore introdotto dalla legge di stabilità, rappresentano un vantaggio per i lavoratori che quest’anno beneficiano di 100 euro completamente esentasse, e per le imprese che non devono aggiungere alla somma il sovra costo dei contributi sociali e previdenziali.
Altra novità, la previdenza integrativa. Il contributo delle imprese al Fondo Cometa da giugno è salito dall'1,6 al 2%. Viene meno l’obbligo di pariteticità del contributo tra lavoratore e azienda: ciò significa che il lavoratore potrà versare anche il contributo minimo dell’1,2% e beneficiare ugualmente del contributo aziendale del 2%.

I flexible benefits                                                                                                         
valore a giugno 2017 100 euro
valore a giugno 2018 150 euro
valore a giugno 2019 200 euro
Fonte: elaborazione di Largo Consumo su dati Federmeccanica

 

 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Risorse umane Sindacati
 
Tag citati: Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Fondo Cometa, Uilm

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati