italiano italiano English English
04/02/2019
01/2019 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Start up

Al via le selezioni per Agrofood Bic

Arriva Agrofood Bic (Business innovation center), iniziativa voluta da Granarolo, Gellify, Camst, Conserve Italia, Cuniola, Eurovo, con l’obiettivo di dar vita a un acceleratore di promettenti e innovative start up specializzate in: healthy food e special needs, tracciabilità dei prodotti food in chiave di food safety, packaging sostenibile, food delivery (shelf life legata all’internazionalizzazione dei prodotti food), precision agriculture. Agrofood Bic sosterrà start up promettenti nello sviluppo del loro progetto imprenditoriale, combinando servizi di accelerazione con le competenze e gli strumenti necessari a far crescere la loro idea di business nel mercato del food, superandone le barriere all’ingresso. Tre i soggetti [...]

Nell'articolo:

  • Gruppo Granarolo in cifre (2018)
  • Conserve Italia in cifre
  • Camst in cifre (2017)
  • Gruppo Eurovo in cifre

Arriva Agrofood Bic (Business innovation center), iniziativa voluta da Granarolo, Gellify, Camst, Conserve Italia, Cuniola, Eurovo, con l’obiettivo di dar vita a un acceleratore di promettenti e innovative start up specializzate in: healthy food e special needs, tracciabilità dei prodotti food in chiave di food safety, packaging sostenibile, food delivery (shelf life legata all’internazionalizzazione dei prodotti food), precision agriculture.

Agrofood Bic sosterrà start up promettenti nello sviluppo del loro progetto imprenditoriale, combinando servizi di accelerazione con le competenze e gli strumenti necessari a far crescere la loro idea di business nel mercato del food, superandone le barriere all’ingresso.

Tre i soggetti coinvolti Università di Bologna, Enea e Aster, la società della Regione Emilia-Romagna per la ricerca e l’innovazione.

Programma e finanziamenti

Tramite un comitato tecnico-scientifico, Agrofood Bic selezionerà le iniziative più innovative fra le candidature pervenute e le start up presenti sul mercato, prediligendo quelle connotate da fattibilità concreta e opportunità progettuali da sviluppare. Nel successivo programma di accelerazione, le start up verranno sottoposte a un training intensivo di alcune settimane che permetterà di passare da una iniziale selezione di 12 candidate alle 5/6 caratterizzate da maggiore potenziale.

I programmi di Agrofood Bic prevedono un finanziamento iniziale di 15.000 euro e uno o più ulteriori finanziamenti del valore di 20.000 euro, che potranno essere assegnati al raggiungimento di specifici risultati che comprovano il raggiungimento degli obiettivi del progetto. Infine le start up ad alto potenziale saranno eleggibili per significativi investimenti successivi al periodo di accelerazione da parte dei soci e/o di partner investitori.

Gli eventi legati all’acceleratore e le call saranno pubblicati sul sito www.agrofoodbic.it, dove sarà possibile anche inoltrare candidature spontanee.

Gruppo Granarolo in cifre (2018)
dipendenti
2.900
famiglie clienti
20 mln
fatturato
1,3 mld €
Conserve Italia in cifre
produttori agricoli associati
14.000
fatturato complessivo aggregato
900 mln €
dipendenti
3.300 tra fissi e stagionali
Camst in cifre (2017)
fatturato aggregato
750 mln €
dipendenti
15.000
pasti erogati
130 mln
Gruppo Eurovo in cifre
galline ovaiole allevate
10 mln
stabilimenti produttivi in Italia e all’estero
17
Fonte: elaborazione di Largo Consumo su dati aziendali
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: IMPRENDITORIA Agroalimentare Alimentare Credito e Banche Economia e Finanza Innovazione Tracciabilità della Filiera Agricoltura Imballaggio Alimenti Funzionali, Dietetici e Probiotici
 
Tag citati: Agrofood Bic, Aster, Camst, Conserve Italia, Cuniola, Enea, Eurovo , Gellify, Granarolo, Regione Emilia Romagna, Università di Bologna

Notizie correlate